Sì a cariche e professioni al femminile, no allo Schwa. L’Accademia della Crusca fa chiarezza

WhatsApp
Telegram

L’Accademia della Crusca, attraverso un parere espresso dal proprio Consiglio direttivo, fornisce indicazioni in merito alla scrittura rispettosa della parità di genere negli atti giudiziari.

La risposta è stata fornita in seguito a un quesito posto dal Comitato Pari opportunità del Consiglio direttivo della Corte di Cassazione.

L’Accademia raccomanda di evitare la duplicazione retorica, come ad esempio “lavoratori e lavoratrici” o “cittadini e cittadine”, e di utilizzare le forme al femminile delle professioni. Inoltre, è espressamente vietato l’utilizzo dell’asterisco al posto delle desinenze dotate di valore morfologico o dello schwa. Inoltre, si consiglia di evitare l’utilizzo dell’articolo con i cognomi delle donne

L’Accademia della Lingua Italiana invita i giudici della Corte di Cassazione a fare un uso ampio e senza esitazioni dei nomi di cariche e professioni al femminile.

In conformità con le normali regole di grammatica, i nomi terminanti in -o al maschile hanno il corrispondente femminile in -a, ad esempio: magistrato/magistrata, prefetto/prefetta, avvocato/avvocata, segretario/segretaria, segretario generale/segretaria generale, delegato/delegata, perito/perita, architetto/architetta, medico/medica, chirurgo/chirurga, maresciallo/marescialla, capitano/capitana, colonnello/colonnella. Anche per i nomi composti è possibile utilizzare il femminile, come ad esempio “pubblica ministera” e “sostituta procuratrice”.

L’Accademia sottolinea che i nomi terminanti in -e senza suffissi sono ambigenere e che il genere viene indicato dall’articolo, stabilendo anche l’accordo con altri elementi, come aggettivi e participi.

Ad esempio: il preside/la preside, il presidente/la presidente, il docente/la docente, il testimone/la testimone, il giudice/la giudice, il sottufficiale/la sottufficiale, il tenente/la tenente, il maggiore/la maggiore.

Con l’aggettivo: il consulente tecnico/la consulente tecnica, il giudice istruttore/la giudice istruttrice. Ci sono eccezioni, come studente/studentessa e professore/professoressa, che sono forme ormai standardizzate.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€