Sgarbi: “Ogni ministro dell’Istruzione sogna una riforma. Ma l’unica vera rivoluzione a scuola è avere un buon maestro per classe”

WhatsApp
Telegram

Durante un recente evento culturale a Bari, il sottosegretario ai Beni Culturali, Vittorio Sgarbi, ha esposto un punto di vista che ha rilanciato il dibattito sull’educazione in Italia. Secondo Sgarbi, la vera riforma del sistema scolastico non risiede in un cambiamento strutturale, ma in un singolo elemento: un buon maestro per classe.

Le sue parole risuonano con un tono di sfida verso i ministri dell’Istruzione che, a suo avviso, “sognano una riforma”, facendo riferimento alla riforma Gentile, la più antica e radicale riforma dell’istruzione in Italia. Ma Sgarbi sostiene che la riforma scolastica non necessiti di una nuova struttura, piuttosto di una rinnovata attenzione al ruolo del maestro.

“Ogni ministro dell’Istruzione sogna una riforma. Ma l’unica vera rivoluzione a scuola è avere un buon maestro per classe”. Queste sono le parole con cui Sgarbi ha enfatizzato il ruolo chiave del maestro nell’educazione. Sottolinea come il maestro sia il fulcro della classe e, pertanto, del sistema educativo in generale.

Non una riforma strutturale, ma una rivoluzione del pensiero che pone il maestro al centro del sistema educativo. In questo modo, l’obiettivo principale diventa garantire un buon maestro per ogni classe, per poter così offrire un’istruzione di qualità per tutti gli studenti.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00