Sgambato (PD), Occupare le scuole non serve, meglio un dialogo sano e costruttivo

di redazione
ipsef

“Lo stato di agitazione in corso in molti degli istituti scolastici superiori del casertano pone un problema serio che la politica e le istituzioni devono necessariamente affrontare e risolvere per garantire a tutti il sacrosanto diritto allo studio sancito nella Costituzione Italiana”.

A commentare le notizie provenienti da diversi licei ed istituti tecnici di Terra di Lavoro è l’On. Camilla Sgambato, componente della VII Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati.

“Dare vita ad occupazioni ed autogestioni non servirà certamente a risolvere una problematica molto più ampia rispetto alla vera emergenza che sta attanagliando la Provincia di Caserta per la grave crisi economica e lo stato di dissesto finanziario che vive da anni.
La dissennata gestione delle casse provinciali e la assenza di programmazione degli interventi di riqualificazione degli edifici scolastici, unite ad alcune norme legislative che hanno messo in seria difficoltà le Province, hanno sortito un effetto devastante che oggi ricade direttamente sugli studenti e le studentesse casertane.
L’intera popolazione studentesca è alle prese con disagi e disservizi che non sono più tollerabili ma che non possono essere superati con le attuali forme di gestione messe in atto dai diretti interessati.
Se da un lato fa ben sperare per il futuro ed è lodevole il senso civico che mostrano tanti studenti, dall’altro lato è innegabile che ci vuole ben altro per ottenere i risultati sperati, a cominciare dal confronto costruttivo ma serrato con la Provincia ed il Governo. Anche i dirigenti scolastici sono chiamati a favorire il lavoro degli studenti nel rispetto delle regole del vivere civile”, continua la parlamentare del Pd.

“Da mesi seguo la drammatica situazione deficitaria dell’Ente Provincia e l’emergenza scuole, facendomi portavoce delle esigenze del territorio presso la Regione, come dimostrano i fondi stanziati nelle ultime settimane, ed i Ministeri competenti, svolgendo un lavoro di dialogo, sensibilizzazione e ricerca delle idonee soluzioni che sta dando i primi risultati e che deve essere percorso anche dagli studenti.
A noi parte politica spetta il compito di dare risposte concrete ai bisogni della popolazione studentesca casertana, attraverso un percorso comune che ci deve vedere tutti impegnati nel confronto che possa tutelare il diritto all’istruzione per tutti i nostri figli”, conclude Sgambato.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione