Sgambato (PD): assunzioni insegnanti, si cambia: concorsi regolari, solo per le classi di concorso in cui sono necessari. Sostegno è priorità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’on. Sgambato ha scritto una nota in cui commenta sulla stabilizzazione dei precari tramite i concorsi ordinari che verranno banditi con cadenza regolare e solo per le classi di concorso in cui occorrono docenti.

Per il concorso straordinario si presuppone che saranno interessate tutte le classi di concorso.

Ecco il testo della nota:

Il decreto scuola, dopo una lunga e complessa trattativa tra il governo e le parti sociali, rappresenta un notevole passo in avanti per dotare le scuole, fin dal prossimo anno scolastico, di circa 50.000 docenti in più. È dunque un buon lavoro di stabilizzazione dei docenti. Ma siamo tutti consapevoli che non basta.

Considerato che il sistema da noi previsto, contenuto nel dl 59, è stato smantellato dal governo precedente, occorre, d’ora in poi, tenere conto soltanto di una cosa: il reale fabbisogno delle scuole. Bisogna, cioè, dare alle scuole i docenti che servono per garantire la continuità didattica, bandendo i concorsi con cadenza regolare, solo dove occorrono e per le classi di concorso in cui sono necessari.

Ricordiamo che al centro dell’azione educativa della scuola c’è sempre l’alunno con i suoi bisogni formativi. Ma ciò che più mi sta a cuore è dare una risposta alla mancanza di docenti specializzati sul sostegno. È cronaca quotidiana, purtroppo, quella di bambini costretti a rimanere a casa per la mancanza del docente specializzato.

Comunque un confronto aperto e largo tra le forze politiche in sede di conversione potrà apportare tutti i miglioramenti necessari.

Concorso straordinario secondaria sia posti comuni che sostegno: requisiti, prove, assunzioni [ANTEPRIMA Decreto precari]

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione