SFIDA: l’Handicap dei Trasporti…

di Lalla
ipsef

S F I D A Sindacato Famiglie Italiane Diverse Abilità – Facendo seguito alle dichiarazioni rilasciate dall’Ufficio Stampa delle Ferrovie dello Stato, nell’articolo pubblicato lunedì 12 aprile sul sito Superabile – Trenitalia: "pullman ad ogni ora per tutti. Disabili compresi" il Sindacato SFIDA precisa quanto segue: le dichiarazioni dell’addetto dell’Ufficio Stampa circa l’assistenza erogata ai disabili non sono veritiere, e lo dimostrano le risposte scritte ed inoltrate da Trenitalia, da cui si evince in maniera inequivocabile che l’assistenza non è assolutamente garantita.

S F I D A Sindacato Famiglie Italiane Diverse Abilità – Facendo seguito alle dichiarazioni rilasciate dall’Ufficio Stampa delle Ferrovie dello Stato, nell’articolo pubblicato lunedì 12 aprile sul sito Superabile – Trenitalia: "pullman ad ogni ora per tutti. Disabili compresi" il Sindacato SFIDA precisa quanto segue: le dichiarazioni dell’addetto dell’Ufficio Stampa circa l’assistenza erogata ai disabili non sono veritiere, e lo dimostrano le risposte scritte ed inoltrate da Trenitalia, da cui si evince in maniera inequivocabile che l’assistenza non è assolutamente garantita.

La Sala Blu Roma e non Bari (come sostiene l’Ufficio Stampa di FS), in data 2 aprile, rispondendo alla richiesta del sig. Berti asserisce che è impossibile garantire il servizio pullman sostitutivo per le persone con disabilità grave. Successivamente, in data 10 aprile, ad una ulteriore richiesta inoltrata da un disabile in carrozzina di Bari, Trenitalia Roma afferma ". non è possibile effettuare l’assistenza da lei richiesta a causa della linea interrotta." e informa che il cliente con disabilità " può cambiare itinerario e accedere a un treno ES da Bari a Bologna e da Bologna a Roma sempre con ES attrezzato .". Tale risposta è a firma " Sala Blu Roma Termini".

SFIDA, lungi dal sollevare sterili polemiche, ritiene che Trenitalia dovrebbe intervenire e fornire l’assistenza richiesta.

Ai disabili non servono né la retorica, né la demagogia fine a se stessa, ad oggi questo è ciò che hanno fatto gli addetti dell’Ufficio Stampa delle Ferrovie. Se tutto quello che può fare Trenitalia ("tutto quello che possiamo fare.. lo facciamo") è questo, SFIDA ritiene che Trenitalia, al momento, non riesce a garantire neanche i livelli minimi di assistenza. Forse i disabili avrebbero molto di più apprezzato una dichiarazione un po’ meno forbita nella forma, ma più consistente nella sostanza ed avere garantito un servizio qualitativamente valido in termini di efficacia ed efficienza. Trenitalia queste esigenze non le ha volute cogliere, ha preferito invece affidare ad un anonimo Ufficio Stampa dichiarazioni non corrispondenti alle reali richieste dei clienti con disabilità.

SFIDA auspica che il Consiglio di Amministrazione di Trenitalia dia delle risposte immediate in termini di servizi erogati e che il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti convochi urgentemente u tavolo interistituzionale coinvolgendo le Parti interessate al fine di trovare soluzioni immediate ed adeguate alle esigenze delle Persone con disabilità.

Il Segretario Nazionale
Dino Di Tullio

Versione stampabile
anief
soloformazione