Settimana lavorativa di 4 giorni, in Islanda è stato un ‘successo travolgente’: “Maggior equilibrio tra lavoro e vita privata”

Stampa

Un successo travolgente. Così è stato definito dai ricercatori l’esperimento da parte dell’Islanda sulla settimana lavorativa su 4 giorni. La prova, durata 4 anni, dal 2015 al 2019, si basava sulla drastica riduzione delle ore lavorative, mantenendo un salario invariato rispetto a quello precedente. 

Il governo, spinto dai bassi tassi di produttività, ha provato a cambiare: l’esperimento ha coinvolto circa 2.500 lavoratori, oltre ad una serie di luoghi di lavoro come scuole materne, uffici e ospedali. La settimana lavorativa è stata ridotta a 35/36 ore (da oltre 40 ore), senza una variazione del salario e senza aggravanti per i datori di lavoro.

I risultati hanno mostrato un calo dei livelli di stress e un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Questo studio mostra che la più grande prova al mondo di una settimana lavorativa più corta nel settore pubblico è stata sotto tutti i punti di vista un successo travolgente”, ha detto Will Stronge, direttore della ricerca presso Autonomy. 

A seguito del successo avuto, i sindacati hanno spinto sulla riformulazione degli orari lavorativi a livello nazionale. Al momento in Islanda l’86% della forza lavoro è passata ad orari più brevi, seguendo il nuovo modello proposto. Quello islandese potrebbe infatti diventare un modello di business esportabile in tutto il mondo.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur