Sesta salvaguardia: i lavoratori avranno più tempo per presentare domanda di cessazione dal servizio

Stampa

I lavoratori salvaguardati avranno più tempo per presentare la domanda di cessazione del servizio.

I lavoratori salvaguardati avranno più tempo per presentare la domanda di cessazione del servizio.

Il personale della scuola, che può dimostrare di avere usufruito di congedi straordinari (o di 3 giorni al mese di permessi) per assistere un parente disabile ed entro lo scorso 5 gennaio ha presentato domanda per accedere al trattamento pensionistico entro il prossimo 1 settembre beneficiando delle disposizioni della legge 147 del 10 ottobre 2014, non dovrà rispettare la scadenza del 15 gennaio per presentare la domanda della cessazione dal servizio. Secondo le disposizioni della legge 147, infatti, è possibile andare in pensione con i requisiti, maturati entro il 31 dicembre 2014,pre riforma Fornero(quindi con 40 anni di contribuzione senza tenere conto dell’età anagrafica, oppure non meno di 61 anni e 3 mesi di età anagrafica e 35 anni di contributi e un quorum di 97,3). 




Questo è valido per i lavoratori che nel 2011 avevano goduto di permessi e congedi per assistere un parente disabile . Essendoci  1800 posti disponibili per risultare inclusi nella salvaguardia, secondo il decreto 885/2014, la domanda di cessazione dal servizio dovrà essere presentata solo dopo che l’Inps avrà finito di raccogliere le domande per accedere alla salvaguardia, quindi sicuramente dopo la data del 15 gennaio 2015.

Le modalità con cui presentare la domanda di cessazione dal servizio saranno comunicate dallo stesso MIUR nelle prossime settimane.

Pensionamenti 2015. Scadenza 15 gennaio 2015. Requisiti, guida e consulenza. Guida GildaTv

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata