Servizio senza titolo sostegno riconoscibile per la carriera

di Lalla
ipsef

red – Giorno 19 giugno 2009 la VI sezione del Consiglio di Stato ha responto l’appello del Ministero avverso una sentenza del Tar Lazio, affermando la riconoscibilità ai fini di carriera del servizio prestato su posto di sostegno senza il possesso del titolo di specializzazione. La sentenza del CdS è la 4140/09

red – Giorno 19 giugno 2009 la VI sezione del Consiglio di Stato ha responto l’appello del Ministero avverso una sentenza del Tar Lazio, affermando la riconoscibilità ai fini di carriera del servizio prestato su posto di sostegno senza il possesso del titolo di specializzazione. La sentenza del CdS è la 4140/09

Il CdS ha ribadito quanto già affermato dal Tar e cioè che: "Il Tar ha ritenuto l’art. 7, comma 2, della legge n. 124 del 1999 prevede, ai fini del riconoscimento del servizio di cui all’art. 485 del t.u. n. 297 del 1994, il solo possesso del titolo di studio che è quello richiesto per l’ammissione agli esami di concorso a cattedra per l’insegnamento di una delle discipline previste dal rispettivo ordine e grado di scuola (diploma di scuola secondaria o di laurea), mentre nessun titolo di specializzazione è contemplato dalla norma; che l’art. 7 è applicabile ai rapporti pendenti e che il momento genetico dell’insorgenza del diritto al riconoscimento dei servizi pre-ruolo su posti di sostegno va individuato nell’entrata in vigore della legge n. 124 del 1999."

Versione stampabile
anief
soloformazione