Senza stipendio da aprile: i precari diffidano la scuola

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Tra le scuole inadempienti, presenti in tutta Italia, che non hanno cioè ancora provveduto al pagamento degli stipendi dei precari in modo regolare, c’è l’istituto comprensivo di "Ugo Bassi" di Civitanova.

Dopo che la scuola ha pagato, circa una decina di giorni fa, solo il mese di aprile, alcuni precari della scuola hanno infine deciso di agire contro di essa, nella figura del preside: hanno diffidato la scuola, con il sostegno della CGIL.

GB – Tra le scuole inadempienti, presenti in tutta Italia, che non hanno cioè ancora provveduto al pagamento degli stipendi dei precari in modo regolare, c’è l’istituto comprensivo di "Ugo Bassi" di Civitanova.

Dopo che la scuola ha pagato, circa una decina di giorni fa, solo il mese di aprile, alcuni precari della scuola hanno infine deciso di agire contro di essa, nella figura del preside: hanno diffidato la scuola, con il sostegno della CGIL.

Il sindacato ha scritto in una nota:"Sappiamo bene che la scuola non è responsabile di quanto sta succedendo  ma la diffida era l’unico modo per rendere concreto e rappresentabile il diritto dei lavoratori, in quanto il Ministero, alle ripetute richieste della Flc-Cgil nazionale, ha risposto, più di una volta, che i casi sono rarissimi e che la colpa è delle scuole che sbagliano o ritardano l’avvio delle procedure".

La scuola si difende:"Noi abbiamo trasmesso tutte le pratiche richieste — dicono all’ufficio di segreteria — e non appena Roma renderà disponibili le risorse, provvederemo immediatamente a pagare quanto dovuto".

I precari, intanto, attendono…

Versione stampabile
anief anief
soloformazione