Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Senza 38 anni di contributi nessun diritto alla pensione con quota 100

WhatsApp
Telegram

Per chi non raggiunge i 38 anni di contributi entro fine anno la possibilità di pensionamento con la quota 100 è preclusa.

La pensione quota 100 scade il 31 dicembre 2021. Per tale data, pertanto, chi non ha raggiunto il versamento di almeno 38 anni di contributi e contestualmente compiuto anche i 62 anni di età sarà fuori dalla possibilità di accedere alla pensione con questa misura.

Rispondiamo alla domanda di una nostra lettrice che ci scrive:

Ho compito 62 anni il 04/09/2021, ad Agosto 2021 ho raggiunto 37 anni di contributi, ho quattro figli di cui uno DISABILE, ho diritto a quota 100?. Mi sono licenziata il 31/08/2020. Ho iniziato a lavorare il 1977 a tempi alterni. e da Ottobre 1996 sono entrata di ruolo nella scuola.Vi ringrazio di una vs. risposta.

Pensione quota 100 o no?

La quota 100 per l’accesso alla pensione richiede almeno 38 anni di contributi versati e lei, pur avendo compiuto i 62 anni, non soddisfa il requisito contributivo. La misura, infatti, non prevede sconti o agevolazioni per le lavoratrici madri (previste, tra l’altro solo per l’accesso all’Ape sociale con la cosiddetta Ape Rosa e alla pensione di vecchiaia contributiva) nè tanto meno ai caregiver familiari che si prendono cura di disabili.

Unica possibilità di pensionamento prima dei 67 anni, visto che da quel che comprendo lei si è dimessa dal lavoro lo scorso anno e, quindi, non accumulerà altri anni di contributi a quelli già versati, potrebbe essere con l’Ape sociale il prossimo anno se la misura verrà prorogata (è quasi certo).

Se la misura dovesse essere prorogata con ogni probabilità, fino alla fine del 2022, offrirebbe la possibilità di accedere al pensionamento a 63 anni di età e con almeno 30 anni di contributi per invalidi, caregiver e disoccupati a seguito di licenziamento (non dimissioni come nel suo caso) e con 36 anni di contributi per i lavoratori gravosi.

Nel suo caso potrebbe accedere alla misura il prossimo anno solo nel caso che suo figlio disabile sia titolare di legge 104 con gravità visto che la misura permette l’accesso ai lavoratori che si prendono cura di un familiare convivente con handicap grave ai sensi della legge 104 del 1992. In alternativa dovrà attendere di compiere i 67 anni per accedere alla pensione di vecchiaia.

 

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO