Sentenza concorso Dirigenti Scolastici in Lombardia. Aprea: “Ci aspettavamo un esito diverso. Reclutamento docenti e Dirigenti non può più avvenire tramite procedure elefantiache”

di Lalla
ipsef

red – La Regione Lombardia commenta la sentenza del Consiglio di Stato che rigettato il ricorso del MIUR contro l’annullamento del concorso. Motivo del ricorso fu la presunta trasparenza delle buste utilizzate per contenere le prove scritte che avrebbero consentito di individuare i nominativi degli autori degli elaborati "Tutto da rifare per quasi mille candidati al concorso per Dirigenti Scolastici nelle scuole lombarde". L’Assessore Aprea " Ci aspettavamo un esito diverso vista la perizia dell’Istituto poligrafico dello Stato che negava la possibilità di una lettura dei nomi dei candidati a colpo d’occhio attraverso le buste"

red – La Regione Lombardia commenta la sentenza del Consiglio di Stato che rigettato il ricorso del MIUR contro l’annullamento del concorso. Motivo del ricorso fu la presunta trasparenza delle buste utilizzate per contenere le prove scritte che avrebbero consentito di individuare i nominativi degli autori degli elaborati "Tutto da rifare per quasi mille candidati al concorso per Dirigenti Scolastici nelle scuole lombarde". L’Assessore Aprea " Ci aspettavamo un esito diverso vista la perizia dell’Istituto poligrafico dello Stato che negava la possibilità di una lettura dei nomi dei candidati a colpo d’occhio attraverso le buste"

"In ogni caso questa è l’ennesima dimostrazione, se ce ne fosse stato bisogno – ha proseguito l’assessore – del fatto che il reclutamento dei docenti e dei dirigenti non può più avvenire attraverso procedure concorsuali elefantiache e farraginose esposte a sicuri ed innumerevoli contenziosi in tutte le fasi procedurali. Regione Lombardia proporrà in tempi brevi in Conferenza Stato Regioni proposte di reclutamento e valutazione dei docenti e dei dirigenti maggiormente legati all’autonomia scolastica e alle realtà locali."

"Ancora una volta esprimo preoccupazione – ha aggiunto Aprea – per il buon funzionamento delle scuole lombarde che, almeno nella fase iniziale del nuovo anno scolastico, saranno private della titolarità di un dirigente scolastico per una seconda volta".

L’assessore regionale ha manifestato anche piena solidarietà ai candidati già dichiarati idonei che "Dovranno attendere ancora del tempo per vedersi riconosciuto il merito di aver regolarmente superato un concorso, anche nella certezza che i 355 posti messi a concorso per la Lombardia non potranno essere assegnati ad altre operazioni".

"Ci aspettiamo – ha concluso l’assessore Aprea – che il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Francesco De Sanctis, ponga in essere immediatamente l’esecuzione della sentenza per scongiurare ritardi nell’individuazione dei vincitori. A lui e ai dirigenti della scuola lombarda confermiamo il pieno sostegno e il supporto operativo di Regione Lombardia".

Concorso Dirigenti Scolastici in Lombardia, rigettato appello del Miur. Unica soluzione correggere nuovamente le prove scritte. C’è il rischio che a settembre molte scuole siano senza dirigente

Versione stampabile
anief anief
soloformazione