Semplificazione dei procedimenti di accertamento degli stati invalidanti e dell’handicap. Messaggio INPS

WhatsApp
Telegram

Il 17 marzo 2023, l’Inps ha pubblicato il messaggio riguardante gli aggiornamenti relativi ai procedimenti di accertamento di invalidità e handicap.

Come ricordato nel messaggio, dal luglio 2020 le commissioni mediche preposte all’accertamento sanitario sono autorizzate ad emanare i verbali basandosi solo sulla documentazione prodotta e inviata da chi ne fa richiesta, senza la necessità di una visita medica.

Nel messaggio pubblicato, Inps riepiloga le modalità operative attualmente funzionanti e le attività che l’Istituto sta realizzando per migliorare il servizio. La nuova procedura, inizialmente legata all’emergenza Covid, rappresenta oggi una modalità di accertamento medico-legale ampiamente utilizzata.

La procedura può essere avviata su iniziativa della commissione medica, la quale esaminerà la documentazione allegata e potrà, eventualmente, invitare il richiedente a integrarla, oppure su iniziativa dell’interessato, che potrà allegare le necessarie certificazioni direttamente sul sito www.inps.it, dopo avere effettuato l’accesso all’area personale tramite SPID, CIE o CNS. La documentazione può essere allegata online anche dal medico certificatore o dal Patronato che assiste il diretto interessato.

La valutazione agli atti “a distanza” è immediatamente applicabile per tutte le domande di primo accertamento e di aggravamento dove l’Inps procede direttamente alla valutazione degli stati invalidanti in convenzione con le regioni (CIC), le revisioni sanitarie.

Inps incentiva e suggerisce l’utilizzo della valutazione agli atti “a distanza” tutte le volte in cui la documentazione inviata consente una valutazione obiettiva, a meno che non vi siano elementi oggettivi che possano mettere in dubbio la veridicità della documentazione inviata dal cittadino. Qualora i documenti forniti non dovessero consentire alla commissione di definire un chiaro quadro clinico invalidante, la commissione medica di accertamento può convocare la persona a visita diretta.

La rivedibilità del verbale sanitario deve essere prevista esclusivamente nei casi in cui ci siano effettive possibilità di miglioramento del quadro anatomo-funzionale, che possano quindi comportare un giudizio medico-legale diverso da quello attestato dal verbale originario.

Inoltre, Inps ha attuato un progetto all’interno del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza) e relativo al nuovo “Servizio di presentazione documentazione sanitaria per il riconoscimento dell’invalidità civile e previdenziale”, presente sul sito dell’Istituto. Tale servizio rappresenta l’unica modalità possibile per la trasmissione della documentazione sanitaria. La documentazione inviata attraverso altri canali, compreso l’invio tramite PEC, non sarà presa in considerazione.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri