“Sei grassa”, alunna presa di mira da un gruppo di compagne di classe. Indagini della Polizia

WhatsApp
Telegram

In un istituto superiore di Monopoli, una studentessa di 14 anni è diventata il bersaglio di una serie di attacchi verbali e di esclusione sociale da parte di un gruppo di cinque coetanee.

Come segnala il Quotidiano di Puglia, gli insulti, rivolti in modo sistematico, spaziano da commenti sprezzanti sull’aspetto fisico della giovane a volgarità estreme, un comportamento che evidenzia una mancanza di consapevolezza sulla gravità delle proprie azioni e sul dolore che possono infliggere.

Gli episodi, che rientrano nella categoria del bullismo, si sono manifestati in varie forme: dalla denigrazione sistematica della vittima per motivi superficiali fino alla sua esclusione dalle chat di gruppo su WhatsApp e dalla vita sociale della scuola. Questo clima ostile ha avuto un impatto significativo sulla ragazza, specialmente in un periodo delicato come l’adolescenza, dove il confronto sociale è cruciale per lo sviluppo personale. Il bullismo ha portato la studentessa a una crescente chiusura in sé stessa, con conseguenze preoccupanti sulla sua salute mentale, fino a manifestare pensieri suicidi.

Preoccupata per la situazione, la famiglia della giovane ha informato la dirigenza scolastica e si è rivolta alla Polizia di Stato di Monopoli. La polizia sta attualmente conducendo indagini per fare luce sugli eventi e valutare le responsabilità. Le cinque studentesse coinvolte sono state interrogate, e non si esclude la possibilità che vengano prese misure disciplinari immediate, come la sospensione scolastica.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri