Segre: nome istituto “Vittorio Emanuele III” andrebbe cambiato perché il re ha firmato le leggi razziali

Stampa

La senatrice a vita Liliana Segre è tornata sulla vicenda della sospensione della docente di Palermo, a causa dell’accostamento del decreto sicurezza alle leggi razziali del 1938, effettuato da alcuni suoi allievi in un video realizzato in occasione della “Giornata della Memoria”.

La Segre, insieme all’altra Senatrice a vita Elena Cattaneo, aveva già invitato la docente sospesa e i suoi alunni in Senato.

L’intervento odierno, come leggiamo su Askanews, riguarda il nome della scuola in cui è avvenuto il fatto, ossia “Vittorio Emanuele III“.

Per la Segre, considerato che le leggi razziali sono state firmate dal succitato re, il nome dell’Istituto andrebbe cambiato:

“Quando parliamo dell’insegnante di Palermo ci dimentichiamo una cosa importante, che quella scuola di cui si è tanto parlato a torto o a ragione, è ancora intestata a Vittorio Emanuele III che ha scritto e messo la sua firma sulle leggi razziali. Prima di entrare in dettagli su decreti, opportunità scolastiche e l’avvicinare due cose che non c’entrano niente, io consiglirei di cambiare nome a quella scuola”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia