Segre: difendere il tema di storia alla Maturità, memoria è bene comune

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La senatrice a vita, Liliana Segre, in occasione della Giornata dell’insegnante e del Convegno “Quale futuro senza la Storia?”, oggi 4 ottobre a Roma, organizzato da Gilda Insegnanti: “Insegnamento storia è decisivo”.

Ritengo sia importante ripristinare un esplicito tema di storia per l’esame di Stato. Sarebbe il modo migliore di riconoscere proprio la funzione della storia nella formazione delle nuove generazioni. Ho posto il problema in modo insistito presso la Commissione Cultura del Senato e mi auguro che dopo le previste audizioni di esperti si giunga a conclusioni capaci di impegnare il Governo e il Ministero. Difendere il tema di storia all’esame di maturità è ben più che difendere una disciplina specifica, una traccia da aggiungere a tante altre. La storia, la memoria, la conoscenza del passato integra il più generale concetto di cultura come un “bene comune” fondamentale, tessuto connettivo della nostra identità non solo nazionale, ma europea, di uomini e donne del nostro tempo” così spiega Liliana Segre l’importanza della storia.

La testimone attiva della Shoah italiana si è poi soffermata sulla recente reintroduzione dell’educazione civica a scuola: “Ho apprezzato il fatto che nei mesi scorsi sia stato reintrodotto l’insegnamento obbligatorio dell’educazione civica nelle scuole. Anche qui però non basta una materia in più da insegnare nelle scuole, deve trattarsi dell’occasione di preparare sempre più ragazzi e ragazze ai valori indicati nella Costituzione, predisporli ad una cittadinanza al tempo stesso democratica ed aperta. Qui il ruolo degli insegnanti è davvero decisivo, ne va del futuro delle giovani generazioni, della loro partecipazione piena e consapevole alla vita civile, culturale e sociale delle comunità“.

Sull’insegnamento della Storia a scuola è intervenuto, durante il convegno, anche il ministro Fioramonti, che auspica il superamento del libro di testo e un focus sulla storia contemporanea.

I dati Gilda del sondaggio sull’insegnamento della Storia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione