Secondo rapporto dell’UNHCR: sono 3,5 milioni i bambini rifugiati senza scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Più di 3,5 milioni di bambini rifugiati di età compresa tra i 5 e i 17 anni non hanno avuto la possibilità di andare a scuola nel corso dell’ultimo anno accademico.

Di questi, 1,5 milioni non hanno frequentato la scuola primaria, gli altri 2 milioni la scuola secondaria. È quanto denuncia un nuovo rapporto pubblicato ieri dall’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

Il rapporto “Left Behind: Refugee Education in Crisis”, analizza e confronta risorse e dati sull’istruzione dei rifugiati a livello globale dell’UNHCR con quelli dell’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura. Nel mondo, il 91% dei bambini frequenta la scuola primaria. Per i rifugiati, la percentuale si abbassa al 61% e in paesi a basso reddito si riduce ulteriormente fino al 50%.
Con l’età, aumentano anche gli ostacoli per i bambini rifugiati: solo il 23% degli adolescenti rifugiati è iscritto alla scuola secondaria rispetto all’84% su scala globale. Nei Paesi a basso reddito appena il 9% dei rifugiati frequenta la scuola secondaria.
Quanto all’istruzione superiore, la situazione è particolarmente critica: in tutto il mondo l’iscrizione a tale livello si attesta al 36%, mentre per i rifugiati, nonostante i grandi passi avanti compiuti grazie ad investimenti in borse di studio e ad altri programmi, la percentuale rimane ferma all’1%.
La comunità internazionale non riuscirà a raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – 17 obiettivi volti a trasformare il mondo entro il 2030 – se queste tendenze non verranno invertite. L’obiettivo quattro – “Assicurare a tutti un’educazione inclusiva e di qualità per promuovere un’educazione duratura” – non potrà essere raggiunto senza soddisfare i bisogni in termini educativi delle popolazioni vulnerabili, compresa quella dei rifugiati e di tutte le persone costrette ad abbandonare le proprie case. Se l’educazione viene trascurata, verranno inficiati anche molti altri obiettivi riguardanti salute, prosperità, uguaglianza e pace.
Il rapporto invita a considerare l’educazione come un elemento fondamentale per rispondere all’emergenza dei rifugiati e quindi a sostenerla attraverso pianificazioni di lungo termine e finanziamenti adeguati. Sollecita inoltre i governi a includere i rifugiati nei rispettivi sistemi d’istruzione nazionali come risposta più efficace, equa e sostenibile, ed evidenzia alcuni degli sforzi maggiori effettuati in tale direzione – anche in paesi in cui le risorse sono già fortemente limitate.
I risultati sottolineano ulteriormente l’importanza di garantire un insegnamento di qualità e reti di sostegno nazionali e internazionali necessarie per il continuo aggiornamento degli insegnanti, per motivarli e renderli capaci di avere un impatto positivo nelle classi più difficili di tutto il mondo.
Numerose storie personali descritte nel rapporto dimostrano che a fronte di un disperato bisogno di educazione da parte dei rifugiati – ben consci dell’importanza che può avere nelle loro vite – si riscontra un numero fortemente insufficiente di insegnanti, classi, libri di testo e meccanismi di sostegno che possano soddisfare questa enorme richiesta.

Questo è il secondo rapporto annuale sull’educazione dell’UNHCR. Il primo, “Missing Out”, fu pubblicato prima del Summit dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul tema dei Rifugiati e dei Migranti dello scorso settembre. La Dichiarazione di New York per i Rifugiati e i Migranti, firmata da 193 nazioni, ha posto l’educazione in prima linea nella risposta internazionale.

Il rapporto dell’UNHCR ha evidenziato che rispetto allo scorso anno scolastico le iscrizioni alla scuola primaria dei bambini rifugiati sono salite dal 50 al 61%, grazie soprattutto a migliori politiche e investimenti nell’educazione dei rifugiati siriani e anche grazie all’arrivo di bambini rifugiati in Europa dove l’istruzione è obbligatoria. Nello stesso periodo, l’accesso all’istruzione secondaria non ha subito variazioni, con meno di un adolescente rifugiato su quattro iscritto a scuola.

Permangono barriere considerevoli, principalmente perché quasi un rifugiato su tre vive in paesi a basso reddito. Sono quelli che meno probabilmente andranno a scuola – sei volte meno dei loro coetanei nel mondo. Gli Stati che li ospitano, spesso già in difficoltà nel garantire accesso all’istruzione per i propri bambini, affrontano un’ulteriore sfida nel dover individuare scuole, insegnanti qualificati e materiali didattici adeguati per decine o addirittura centinaia di migliaia di nuovi arrivati che spesso non parlano la lingua e hanno perso circa quattro anni di scuola.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione