Se l’alunno si fa male fuori della scuola alla fine dell’orario scolastico, l’insegnante non è responsabile

di Patrizia Del Pidio
ipsef

Se un alunno si fa male alla fine dell’orario scolastico, fuori dagli edifici della scuola la responsabilità non ricade sull’insegnante. A stabilirlo è la sentenza 3081/2015 della Corte di Cassazione.

Se un alunno si fa male alla fine dell’orario scolastico, fuori dagli edifici della scuola la responsabilità non ricade sull’insegnante. A stabilirlo è la sentenza 3081/2015 della Corte di Cassazione.

In casi del genere, quindi, non può essere richiesto il risarcimento dei danni poiché la responsabilità dell’insegnante è circoscritta a limiti spaziali e temporali.

Il fatto




Un’alunna nel 1999  è stata protagonista di uno sfortunato incidente: all’uscita di scuola, seduta sul parapetto della scalinata veniva spinta da un compagno e, cadendo all’indietro, si procurava gravi lesioni. Dopo l’incidente fu chiamata in giudizio l’insegnante per omessa sorveglianza e per responsabilità dell’avvenuto danno alla studentessa. La domanda di risarcimento fu rigettata dai giudici di primo grado ritenendo che l’insegnante non fosse da ritenere responsabile con la sentenza della Corte d’Appello di Trento del 29/9/2012.

Lo stesso fa la Corte di Cassazione con la sentenza 3081/2015 ritenendo che i motivi del ricorso siano infondati poiché la responsabilità dell’insegnante “per il danno che l'allievo subisce, e che

costituisce il fondamento dell'obbligo di sorvegliarlo – obbligo la cui estensione ed intensita' e' commisurata all'eta', in relazione al normale grado di maturazione degli alunni – e' che gli sia affidato”

I motivi della sentenza

Gli obblighi di sorveglianze degli insegnanti, e della stessa scuola,sussistono soltanto quando l’alunno si trovi all’interno della struttura scolastica. Quello che accade prima che vi entri, e dopo che vi è uscito poiché contrariamente significherebbe “anticipare l’operatività del vincolo negoziale, e del connesso regime di responsabilità, ad un arco spaziale e temporale dai contorni indefiniti, nel quale, il personale della scuola non è in grado di esercitare seriamente le sue proprie funzioni”

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare