Se ci sarà un concorso sanatoria, noi genitori faremo ricorso. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Vorrei che la mia lettera fosse letta da chi si occupa di reclutamento docenti, in particolare dalla ministra Azzolina e dal suo entourage.

Pochi giorni fa ho letto un articolo su un quotidiano in cui si paventava la possibilità di un concorso “sanatoria” per docenti non abilitati e non selezionati. Immediatamente mi sono preoccupato e ne ho parlato anche con altri genitori della scuola frequentata da mio figlio: in breve tempo ho constatato che la mia preoccupazione era anche la loro. Questo perché, almeno personalmente, ho potuto sperimentare che i docenti precari sono spesso preparati, ma questo non avviene sempre.

Mio figlio ha cambiato per esempio ogni anno l’insegnante d’inglese, trovandosi davanti insegnanti anche anziani ma con una pessima pronuncia e una totale inadeguatezza a ricoprire quel ruolo; di converso, quest’anno, si è ritrovato una giovane docente molto più preparata e che insegna da poco tempo. Ecco, la mia preoccupazione è proprio per questa: che senso ha regalare il posto fisso e quindi il ruolo a docenti totalmente incompetenti solo perché più anziani e lasciare fuori magari dei giovani preparati, di cui la scuola avrebbe davvero bisogno? E’ questa la meritocrazia in Italia? Noi genitori siamo fortemente preoccupati e faremo di tutto affinché questa sanatoria non veda mai la luce, nel frattempo stiamo cominciando a raccogliere firme e diffonderle ovunque, in modo da poterle inviare al ministero dell’istruzione e far capire tutto il nostro dissenso. Siamo preoccupati per i nostri figli che si meritano docenti preparati e per il futuro di questo paese. I docenti vanno selezionati in modo rigido, perché svolgono un ruolo fondamentale. Se non saremo soddisfatti dalle decisioni parlamentari, ci appelleremo alla legge per fare i dovuti ricorsi. Per i nostri figli vogliamo docenti preparati.

Giorgio Fantino

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur