#scuolesicure. Crollo in una scuola di Pescara

Stampa

Ancora un altro crollo. Nonostante gli investimenti profusi dal Ministero nell'ultimo anno, assistiamo ancora ad episodi che sfiorano la tragedia.

Ancora un altro crollo. Nonostante gli investimenti profusi dal Ministero nell'ultimo anno, assistiamo ancora ad episodi che sfiorano la tragedia.

Rai News conferma a mezzogiorno di oggi che due ragazzi sono rimasti leggermente feriti. L'incidente si è verificato all'Istituto alberghiero. Si sarebbe staccato dell'intonaco. I due feriti hanno riportato lievi contusioni e abrasioni. L'istituto è stato evacuato.

A fornire ulteriori informazioni Aksel Nikaj, coordinatrice del collettivo studentesco Pescara. "È la seconda volta che proprio in quella classe cade un pezzo di intonaco. Non è possibile che un avvenimento così grave possa accadere e ripetersi nel tempo. La scuola dovrebbe essere anzitutto un posto sicuro e non una fonte di pericolo per le studentesse e per gli studenti."

"Quanto successo a Pescara" – afferma Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti -"è uno dei tanti casi di condizioni edilizie indegne che ci vengono segnalati da ogni parte d'Italia, in
particolare dalle scuole del Sud. E' inaccettabile che il governo continui anche di fronte a questi tragici avvenimenti a ripetere i propri slogan millantando un impegno che si discosta nella realtà dai tempi e dai finanziamenti previsti. Pretendiamo i 13 miliardi di euro necessari per intervenire concretamente, come stimato dalla Protezione Civile, nonché la reale operatività dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica"

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur