Scuole-Trasporti, ANP: ricorrere al lavoro agile e usare mezzi privati

Stampa

Il Presidente dell’ANP, Antonello Giannelli, interviene nuovamente sulla questione Scuole-Trasporti: “Gli studenti che utilizzano i mezzi di trasporto per raggiungere le scuole costituiscono una minoranza dell’utenza complessiva, composta per lo più di lavoratori.

Se vogliamo decongestionare il sistema di trasporto pubblico, abbiamo almeno due ipotesi concrete su cui lavorare: un maggior ricorso al lavoro agile e l’utilizzo dei trasporti privati, attualmente in difficoltà perché senza lavoro, per accompagnare gli alunni a scuola. La teledidattica generalizzata inciderebbe negativamente sul diritto allo studio, già duramente provato dal lockdown di qualche mese fa. L’organizzazione oraria delle scuole, tra l’altro, è già stata predisposta dai loro dirigenti che, partecipando ai tavoli regionali, l’hanno anche condivisa con gli enti locali”.

E prosegue “Per mesi, sui mezzi d’informazione, abbiamo ribadito l’importanza della didattica in presenza e la centralità del sistema scuola per il futuro della Nazione. Non intendiamo ora sacrificare i nostri ragazzi che non vanno a scuola solo per apprendere nozioni ma anche, e soprattutto, per imparare a relazionarsi correttamente tra loro”.
Conclude Giannelli : “Siamo disponibili al confronto con gli Enti locali per analizzare tutte le criticità ipotizzabili ma deve essere ben chiaro che non va messa in discussione la didattica in presenza”

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia