Scuole superiori Marche in Dad, Acquaroli: studenti recuperano a maggio/giugno, ora serve prudenza

WhatsApp
Telegram

“Credo che un po’ di prudenza per qualche giorno finché non c’è chiarezza rispetto alla ripresa dell’ondata o meno va tenuta in forte considerazione come il primo strumento di precauzione”.

Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli rispondendo alle domande dei giornalisti sull’ipotesi di rivedere la sua decisione di mantenere fino a fine gennaio la didattica a distanza al 100% nelle scuole superiori.

Marche, scuole superiori in Dad fino al 31 gennaio. Acquaroli: prima la salute. ORDINANZA

“Ogni giorno, – ha spiegato – al di là dei trasporti pubblici locali che possono funzionare o della capacità di rispettare i distanziamenti e le regole all’interno delle aule, poi vediamo che queste persone dovrebbero partire da casa e arrivare a scuola, poi ripartire da scuola e arrivare a casa facendo dei percorsi, incontrandosi. Quindi è chiaro che il rischio che la curva possa ripartire o possa avere un’accelerazione anche in virtù di questa massa che si mette in movimento c’è”.

“Parliamo comunque – ha aggiunto – di una scuola che avrebbe riaperto al 50% in presenza, il che significa che in due settimane e mezzo, tre settimane, avrebbe portato a scuola per una settimana circa in presenza i ragazzi. Se noi, come è vero, giudichiamo questo tempo indispensabile possiamo tranquillamente recuperare in presenza al 75% nel mese di maggio o di giugno”.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO