Scuole Puglia, aumenti consistenti dei casi tra i ragazzi in età scolare

Stampa

 Confrontando i dati tra la prima settimana di marzo e la seconda di febbraio si registra l’incremento percentuale più rilevante di casi nelle fasce di età 0-5 e 6-10 (+59%), 19-24 anni (+55%) e 14-18 anni (+51%) “in un contesto di complessivo aumento dei nuovi casi”.

È quanto si legge nella relazione tecnica relativa all’andamento dei contagi da coronavirus allegata all’ordinanza firmata dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che impone nuove restrizioni per limitare la diffusione del virus.

Scuole Puglia, immediata chiusura nel Barese e Tarantino. Emiliano: “Andiamo verso la zona arancione o addirittura rossa”

Nel report si spiega che “nelle ultime due settimane di monitoraggio si manifesta una chiara inversione di tendenza rispetto alle settimane precedenti, con una ripresa della circolazione virale che interessa tutte le eta’: la salita appare più ripida nelle classi di età 19-24 e 0-18 anni, mentre appare stabile la situazione dei contagi nelle fasce anziane, come pure l’attività di accertamento diagnostico”.

La relazione riporta un aumento della frequenza in presenza che passa dal 30 al 42% nelle scuole dell’infanzia, dal 32% al 45% nelle scuole primarie, dal 17% al 24% nella scuola secondaria di primo grado mentre rimane sostanzialmente stabile intorno al 3% nelle scuole secondarie di secondo grado.

Si registrano in totale 524 nuovi contagi tra gli studenti mentre non aumentano i contagi nel personale scolastico che risultano nella prima settimana di marzo pari a 175. Su 2732 plessi sono stati 3288 i provvedimenti di quarantena a carico degli studenti e 691 a carico del personale.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur