Scuole paritarie, l’informativa sul trattamento dei dati personali 2022/23

WhatsApp
Telegram

Secondo quanto disposto dal D.M. 83/2008 i gestori o i rappresentanti legali delle scuole paritarie, entro il 30 settembre di ogni anno scolastico, dichiarano al competente Ufficio Scolastico Regionale (nelle forme indicate da ciascun ufficio) la permanenza del possesso dei requisiti richiesti dalle norme vigenti. Il Ministero ha pubblicato oggi l’informativa sulle rilevazioni

privaIl servizio online è accessibile dal Portale SIDI. Nell’ottica della semplificazione dei processi e nel rispetto della normativa sulla privacy è disponibile sul SIDI un’area dedicata alla comunicazione dei dati dei docenti impiegati presso le scuole Paritarie e una specifica applicazione per rendere uniformi, sul territorio nazionale, le modalità di raccolta delle informazioni, la modulistica, la tipologia dei dati necessari alla verifica dei requisiti prescritti a partire dall’anno scolastico 2020/21.

Ciascuna scuola paritaria, per il tramite del personale autorizzato e dotato delle credenziali, dovrà inviare al Ministero dell’Istruzione i dati del personale docente. Tale rilevazione avverrà attraverso il Sistema Informativo dell’Istruzione (di seguito, anche «SIDI»), accedendo alla voce “Scuole paritarie” e utilizzando le funzioni “Rilevazione docenti scuole paritarie”.

Chi può utilizzare il servizio

Le Scuole Non Statali Paritarie alle quali sono rese disponibili le funzioni per la gestione dei dati del docente e dell’associazione scuola/docente e gli Uffici scolastici territoriali per gli adempimenti di propria competenza.

Cosa serve per utilizzarlo

  • essere in possesso di un’utenza valida per l’accesso al servizio SIDI;
  • essere profilato per la gestione dell’Area “Rilevazioni sulle scuole– Dati Generali “.

Quali dati

  •  i dati anagrafici (quali codice fiscale, nome, cognome, data di nascita, comune di nascita, sesso);
  • dati inerenti alla professionalità del docente (quali nome del titolo di studio, localizzazione del conseguimento del titolo di studio, riconoscimento del titolo estero, anno di conseguimento del titolo di studio, classe di concorso di abilitazione, livello scolastico scuola di sostegno);
  • dati inerenti all’inquadramento contrattuale del docente (quali tipologia di contratto/prestazione, tempo determinato/indeterminato, CCNL di riferimento, data inizio e fine contratto/prestazione);
  • dati relativi al servizio prestato dal docente (quali tipologia di insegnamento, classe di concorso, materie di insegnamento, ore settimanali, eventuali note);
  • dati relativi alla scuola di riferimento (quali codice, denominazione, livello).

Informativa

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur