Scuole paritarie e pagamento ICI. Padoan annuncia che non ci saranno modifiche alla legge. Resta l’icertezza del contenzioso

WhatsApp
Telegram

Ieri, Il Ministro Padoan ha risposto ad una interrogazione parlamentare sulla questione che in questi giorni ha tenuto banco nel panorama politico.

Ieri, Il Ministro Padoan ha risposto ad una interrogazione parlamentare sulla questione che in questi giorni ha tenuto banco nel panorama politico.

Infatti, ricordiamo che una sentenza della Cassazione sull'opportunità da parte di due scuole non statali di Livorno di pagare l'ICI, ha aperto una polemica che ha visto contrapporsi forze favorevoli e contrarie.

In realtà, la sentenza non ha messo in dubbio il principio del Decreto legge 1/2012 sull'esenzione dall'ICI per quelle attività considerate dal fisco come "non commercali". Ma ha ribadito che è indispensabile che l'immobile sia occupato da attività considerate tali.

Il problema delle scuole non statali sorge perché si pone un quesito diverso: può un'attività che chiede delle rette agli iscritti essere considerata un'attività con "modalità non commerciali"?

A favore è il Decreto attativo della legge, il DM 200, che pone un tetto alle rette perché le scuole vengano considerate attività non commerciali, tetto che abbraccio un range che va dai 5.739,17 euro degli asili ai 6.914,17 euro delle superiori. Tutto ciò, però, è contenuto in un dispositivo secondario. La sentenza apre una breccia che potrebbe condurre a diversi risvolti.

Di certo, al momento non c'è intenzione da parte dell'economia di rivedere la questione, diversamente da quanto affermato dal Ministro Giannini e dal Sottosegretario Faraone che avevano anticipato la volontà di una "riflessione" e di un tavolo tecnico con i diretti interessati. Mentre attendiamo quella riflessione sulla sentenza che è stata anticipata dal Presidente della suprema Corte.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur