Scuole paritarie, Bussetti: non trovano più docenti a causa della Buona Scuola. Rivedere reclutamento

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Ministro Bussetti, presente alla giornata conclusiva del Campus di formazione estivo dell’AGIDAE, è intervenuto sul tema dei docenti delle scuole paritarie, tema questo che si intreccia con quello del reclutamento.

Scuole paritarie

La Buona Scuola, dichiara Bussetti, oltre a creare uno sradicamento degli insegnanti dal proprio territorio, ha svuotato “troppo” le graduatorie ad esaurimento, mettendo in difficoltà le scuole paritarie che non trovano più docenti.

Molti docenti delle paritarie, infatti, sono passati nelle scuole statali, mettendo in crisi le prime.

Pertanto, il sistema di reclutamento va rivisto.

Reclutamento

Il Ministro, come riferisce “Il Mattino”,  ha affermato che il sistema va rivisto anche alla luce delle misure previste nella Buona Scuola.

Ricordiamo che la legge 107/2015 ha previsto a regime dei concorsi per accedere ai quali si deve essere in possesso della laurea e di 24 CF in discipline antro-psico-pedagogiche; superato il concorso si accede al percorso triennale selettivo di formazione e tirocinio, dopo il quale si accede al ruolo, previo superamento del medesimo.

Il Governo e la maggioranza pensano ad un sistema basato su concorsi regionali, con i docenti che scelgono la regione ove partecipare alla procedura concorsuale e lavorare, tramite il cosiddetto “domicilio professionale”. A ciò si aggiunge un vincolo di permanenza nella provincia/regione di immissione in ruolo.

Versione stampabile
anief
soloformazione