Se scuole non consegnano i figli ai genitori rischiano denuncia abbandono minore, una petizione per modificare la legge

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Bambini autonomi o abbandono di minore?”, è questo il titolo di una petizione avviata a seguito della sentenza della Corte di Cassazione che ha condannato un dirigente ed un docente per la morte di uno studente.

Lo studente aveva meno di 14 anni, età che per il codice di leggi italiano non rientra tra quelli da considerarsi autonomi e necessitano il costante accompagnamento dei minore.

Di conseguenza se la scuola non consegna lo studente direttamente nelle mani dei genitori o di chi ne fa le veci rischia una denuncia per abbandono di minore. Ce ne siamo occupati qui: Se all’uscita non consegni studente ai genitori rischi fino a 5 anni di carcere. Cassazione incrina rapporto genitori-dirigenti-docenti

Sul Web è stata lanciata una petizione che chiede di modificare la legge sulla vigilanza ddei bambini e dei ragazzi, considerando “l’andare e tornare a scuola da soli, il giocare nei parchi pubblici o nei cortili senza sorveglianti, lo spostarsi in quartiere o in paese in autonomia”, da non considerarsi come attività normale ed escluderle dall’abbandono dei minori da parte di genitori, insegnanti e presidi.

“Non vogliamo – scrive l’autore della petizione – crescere una generazione di bamboccioni! E una città fatta di auto, scorte e paure. In tanti paesi del mondo i bambini si spostano in autonomia e non ci sono evidenze di maggiori rischi.”

Ecco la petizione

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione