Argomenti Archivio 2015

Tutti gli argomenti

Scuole di montagna e nelle isole: una realtà da salvare

Stampa

Sono 1400 le scuole di montagna e sulle piccole isole che accolgono 900mila studenti. Negli ultimi 3 anni 236 scuole di montagna e su isole sono state chiuse provocando non pochi disagi alle famiglie degli alunni che le frequentavano.

Sono 1400 le scuole di montagna e sulle piccole isole che accolgono 900mila studenti. Negli ultimi 3 anni 236 scuole di montagna e su isole sono state chiuse provocando non pochi disagi alle famiglie degli alunni che le frequentavano.

In Italia i sono 5.836 piccoli Comuni, su 8000 totali, di cui molti situati in zone montane in cui si concentrano 10 milioni di abitanti. La popolazione studentesca di questi comuni ha subito un graduale calo a causa del calo demografico.

Nelle scuole dei piccoli Comuni, soprattutto di quelli montani e isolani, il problema principale è rappresentato dal limite minimo di 10 alunni richiesti per la formazione di una classe: non sempre quando la popolazione studentesca è bassa, è facile raggiungere questo numero, anche il numero minimi per la formazione di una pruriclasse di scuola primaria, che è di 8 alunni, è difficilmente raggiungibile in alcuni casi. L’accorpamento di plessi scolastici vicini è reso quasi impossibile dalla grandi distanze chilometriche tra una scuola e l’altra, dallo stato delle strade che le collegano e, nei paesi di montagna, anche dalle condizioni avverse del clima.

La chiusura delle scuole rappresenta il decreto di morte dei piccoli Comuni, ma tale fenomeno è in atto da diversi anni decretando effetti gravissimi sulla qualità della vita delle comunità che si sono viste private del diritto alla scuola.

L’ANPCI chiede, quindi al governo di provvedere in tal senso con un decreto urgente che modifichi il DPR 81/2009 cercando di stabilire criteri meno restrittivi per la formazioni delle classi nelle comunità montane e sulle piccole isole.

Vediamo nel dettaglio la situazione delle diverse regioni italiane. Molti sono stati gli istituti chiusi in diverse zone d’Italia decretando in questo tipo di realtà disagi elevati per gli abitanti che si trovano costretti a compiere viaggi chilometrici per accompagnare i propri figli a scuola.

Per quanto riguarda gli istituti sopra gli 800 metri di altezza:

  • Molise chiuso il 37%, 4 ogni 10;
  • Lazio chiuso il 25%
  • Calabria chiuso il 24%
  • Campania chiuso il 24%
  • Toscana chiuse 6 scuole e soppresse 46 cattedre.
  • Liguria: sono rimaste 32 scuole per servire 26mila alunni

La realtà più piccola si trova ad Alicudi che conta 100 abitanti e due soli alunni, uno di terza elementare e uno di prima elementare. Per salvare la scuola sono state istituite attività pomeridiane volte ad anziani ed adulti.

Per salvare queste piccole realtà scolastiche, fondamentali per la vita delle comunità isolana e montana, Indire ha organizzato “Piccole scuole crescono”, un network che accorpa gli istituti che operano nelle comunità montane e isolane volto a superare l’isolamento introducendo formule didattiche nuove.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!