Scuole Lombardia, Sala: “Scoramento e rabbia delle famiglie, costretti ad organizzarsi dalla sera alla mattina con la Dad”

Stampa

La decisione di chiudere nuovamente le scuole in presenza e tornare a fare da oggi didattica a distanza “sappiamo che è stata presa sulla base di indicazioni medico scientifiche, ma con una attuazione così repentina le famiglie sono state oggettivamente messe in difficoltà”.

Così in un messaggio video sui social il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commenta l’ordinanza resa nota ieri del presidente Attilio Fontana, con la quale tutta la regione va in fascia arancione rafforzato, da oggi fino al 15 marzo, con la conseguente chiusura delle scuole, ad eccezione degli asili nido.

“Da oggi siamo costretti a tornare in didattica a distanza – conclude Sala – e avverto e comprendo lo scoramento, la stanchezza e a volte anche la rabbia, vostra e dei vostri genitori che sono stati costretti ad organizzarsi dalla sera alla mattina”

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur