Scuole Lombardia, il preside del Liceo Volta: “Lunedì saremo zona rossa”

WhatsApp
Telegram

“È una tristezza. La scuola non meritava questo, non meritava di essere trattata così”. Sono parole dure quelle del preside del liceo scientifico ‘Volta’ di Milano, Domenico Squillace. Come gli altri dirigenti scolastici sta aspettando di capire cosa bisognerà fare adesso, dopo la sentenza del Tar Lombardia che ha annullato l’ordinanza regionale e reintrodotto la presenza al 50% per gli studenti delle superiori.

“Domani io dovrei riaprire il mio istituto, secondo quando stabilito dal Tribunale amministrativo. Ma so già che a breve dovrebbero arrivare delle indicazioni ufficiali da parte dell’Ufficio scolastico regionale, che di comune accordo con la Prefettura e la Regione, ha deciso di farci riaprire lunedì”.

Lunedì, però, la Lombardia probabilmente sarà in zona rossa e a quel punto varrà il provvedimento nazionale, in cui viene stabilita la Dad al 100% per le scuole superiori nelle zone in cui il rischio di contagio è elevato.

“È un escamotage per non farci riaprire“, ribadisce Squillace. In questo modo, secondo quanto riferito dal preside del Volta, la Regione fa sì che sia il Governo a doversi assumere l’onere di richiudere in casa i ragazzi.

L’Ufficio scolastico della Lombardia, sentito dalla ‘Dire’, per ora non commenta. Almeno “fino a quando non usciranno note ufficiali della Regione o della Prefettura”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur