Scuole innovative. Individuate 50 aree per nuove costruzioni, presto una graduatoria nazionale per l’edilizia

WhatsApp
Telegram

Il sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, in occasione di un incontro alla Casa dell'Architettura a Roma sul tema 'scuole innovative', ha fatto il punto delle iniziative del Governo in tema di nuova edilizia scolastica.

Il sottosegretario all'Istruzione, Davide Faraone, in occasione di un incontro alla Casa dell'Architettura a Roma sul tema 'scuole innovative', ha fatto il punto delle iniziative del Governo in tema di nuova edilizia scolastica.

"Oltre ad "aver costituito uno sportello unico dell'edilizia scolastica, l'Osservatorio al Ministero dell'Istruzione", questo Governo si è posto l'obiettivo di "individuare una graduatoria unica nazionale in cui canalizzare tutti gli intervenenti di edilizia scolastica. Entro il 2017 dunque speriamo di svuotare le graduatorie regionali con i Fondi per lo Sviluppo e la coesione. Si parla di un investimento di 3 miliardi di euro per oltre 5 mila cantieri, è un programma di tre anni che con lo sblocco dei fondi Fsc può essere svolto in un anno e mezzo".

La graduatoria nazionale, ha aggiunto Faraone, "è partita con circa un miliardo di fondi Bei. Entro l'anno partiremo con le graduatorie inviate dalle regioni". 

Servono "scuole altamente innovative", intese "come luoghi di aggregazione e collegamento tra periferie e centri urbani, aperte al territorio e alle esigenze degli studenti" e "coerenti" con le "nuove metodologie per la didattica e l'apprendimento introdotte con la legge 107".

L'iniziativa "Scuole innovative", finanziata dalla 'Buona scuola' con "300 milioni di euro" e che prevede la costruzione di nuovi istituti, è una "misura pilota" per "l'investimento in innovazione", che mette un freno all'edificazione dei "classici cubi".

Tra gli interventi richiesti dai territori ci sono: messa in sicurezza degli edifici, interventi antisismici, adeguamento impianti, manutenzione. "Continueremo inoltre a investire nell'Anagrafe dell'edilizia", "operazione di grande trasparenza", rivolta non solo agli amministratori ma a tutti i cittadini "che devono iscrivere i propri figli a scuola". 

In Italia ci sono 42.292 edifici scolastici, ha ricordato la coordinatrice della Struttura di Missione per l'Edilizia scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Laura Galimberti, e il 59% è stato costruito dopo il 1960. Con il progetto "scuole nuove" i Comuni hanno potuto investire 244 milioni di euro per 454 interventi, di cui 290 già conclusi. Province e città metropolitane hanno invece investito 100 milioni per 472 interventi. Nel 30% dei casi sono stati costruiti nuovi edifici. Con i mutui agevolati Bei, infine, sono previsti 1.251 interventi, in appalto entro l'anno, di cui circa il 25% di nuova costruzione. 905 i milioni di euro a disposizione.

Al momento – ha spiegato la coordinatrice della Struttura di Missione per l'Edilizia scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Laura Galimberti – ogni Regione ha segnalato almeno una e fino a cinque aree (oltre 50 in totale) dove poter collocare le nuove scuole. Circa 10 le aree proposte per la costruzione di scuole superiori, altrettante quelle pensate per istituti comprensivi. 

Entro metà novembre le Regioni dovranno presentare i progetti con la loro idea di scuola innovativa; 300 milioni le risorse Inail a disposizione con canone sostenuto dal Miur. "Lombardia, Emilia Romagna e Lazio – ha aggiunto Galimberti – hanno indicato, tra le cinque aree, l'edificazione di due nuove scuole superiori. Il Piemonte si è focalizzato esclusivamente su queste. Sicilia e Veneto hanno proposto di costruire cinque scuole a testa tra quelle che rientrano nelle competenze dei comuni: scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado".

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici, è in Gazzetta Ufficiale: preparati per le prove selettive. Il corso con 285 ore di lezione e migliaia di quiz per la preselettiva. A partire da 299 euro