Scuole innovative finanziate dall’Inail: la regione Veneto ottiene che si ascolti il parere delle regioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La regione Veneto ha perso e forse per sempre i 100 milioni che l’Inail ha messo a disposizione a titolo di investimento per realizzare scuole innovative, dopo il ricorso presentato alla Consulta.

Ne parla ilsole24ore.it

Le risorse sono già state ripartite tra le Regioni con il Dpcm 27 ottobre 2017 per finanziare i progetti.

La regione Veneto ha impugnato la norma della legge di Bilancio 2017, più precisamente il comma 85 dell’articolo 1 della legge 232/2016, di fronte alla Consulta, con il ricorso depositato il 23 febbraio 2017.

A distanza di un oltre un anno, la corte costituzionale con la sentenza n.71/2018 depositata ieri ha accolto i rilievi della Regione, con la conseguenza immediata di azzerare il piano, che adesso per ripartire deve passare in conferenza Stato-Regioni, come ha chiesto la regione Veneto, che criticava proprio il mancato coinvolgimento delle regioni.

Nella sentenza, la Corte dichiara la norma incostituzionale “nella parte in cui non prevede che il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri con il quale sono individuate le Regioni ammesse alla ripartizione, sono assegnate le risorse disponibili e sono stabiliti i criteri di selezione dei progetti sia adottato d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano”.

Tuttavia, in considerazione della rilevanza sociale del servizio scolastico, la Corte ammette la prosecuzione del programma, nel caso questo fosse arrivato già ad impegnare le risorse. In realtà, il piano non è affatto partito: dopo l’assegnazione delle risorse alle sole 10 regioni che avevano aderito all’iniziativa nessuno degli enti locali ai quali è stata data l’opportunità di ottenere una nuova scuola ha presentato i progetti, solo due enti locali hanno chiesto una proroga dei termini.

Sulla base di questo scarso interesse, è probabile, scrive il giornale, che le risorse dell’Inail vengano dirottate verso altri progetti finanziabili.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione