Scuole in tilt per le cattedre scoperte; da Nord a Sud problema comune

Stampa

A due settimane dall’inizio delle lezioni in aula non rallenta l’emergenza delle cattedre scoperte. Da Nord a Sud, a macchia di leopardo, continuano ad emergere dai giornali locali le situazioni di docenti ancora da nominare. 

A Modena ci sarebbero oltre 420 insegnanti ancora da nominare e, secondo quanto pubblicato dalla Gazzetta di Modena, i sindacati sarebbero sul piede di guerra.

A Cassano d’Adda, in provincia di Milano, in otto plessi scolastici si dovrà prorogare l’orario provvisorio perché mancano ancora 59 docenti.

A Treviso non si è ancora riusciti a ultimare la situazione del sostegno e si spera che da lunedì si possa completare la procedura delle nomine e quindi a pubblicare l’elenco.

Non va meglio in quel dell’Aquila: a mandare in tilt la scuola sarebbe la mancanza di mascherine, già finite, a cui si aggiunge la carenza di personale che avrebbe fatto saltare il prescuola.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia