Scuole chiuse, è tutta colpa dei trasporti? Onlit: “Niente distanziamento sui mezzi. Inefficienze aziendali”

Stampa

L’Osservatorio sui trasporti e sulle privatizzazioni punta il dito sul trasporto locale come responsabile della chiusura delle scuole superiori.

La “pessima gestione del Trasporto pubblico locale, saldamente in mano alle regioni dal 1977” è la causa della chiusura delle scuole “almeno fino all’11 gennaio”.

Lo afferma Dario Balotta, presidente dell’Onlit, l’Osservatorio sui trasporti e sulle privatizzazioni, che sottolinea come “l’utilizzo di parte del parco fermo, che consiste in 30 mila autobus e di altrettanti autisti in cassa integrazione, non è ancora stato organizzato dai Comuni e dalle loro aziende municipali per portare in sicurezza gli studenti a scuola e i pendolari al lavoro“.

Se la gestione sanitaria e la somministrazione del vaccino sono in ritardo nonostante i lockdown morbidi di questi mesi – argomenta Ballota, si legge su SkyTg 24 – anche il sistema dei trasporti pubblici non riesce ad assicurare un efficace sistema di distanziamento, mostrando scarsa flessibilità e pessima organizzazione aziendale“.

Nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale, dall’11 al 16 gennaio superiori a scuola almeno al 50%, Dad dal 7 al 9. TESTO

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur