Scuole chiuse in 10 regioni, didattica a distanza minimo 75% in altre: le ordinanze regionali [AGGIORNATO]

Stampa

Le Regioni adeguano le misure anti Covid al Dcpm del governo del 24 ottobre. Dall’Abruzzo al Veneto le nuove ordinanze regionali con le indicazioni per le scuole.

Abruzzo: “dal 28 ottobre 2020 sino al termine di vigenza del riferito Dpcm del 24 ottobre 2020 la sospensione delle attività scolastiche secondarie di secondo grado in presenza, rimettendo in capo alle Autorità Scolastiche la rimodulazione delle stesse, con ricorso alla didattica digitale a distanza e prevedendo che la didattica in presenza continui ad essere effettuata a vantaggio degli alunni a vario titolo portatori di disabilità ovvero in ragione di riconosciuta condizione di necessità”. Ordinanza

Basilicata: Ordinanza Dal 2 novembre attività didattica sospesa nelle scuole secondarie di II grado.

Calabria: si dispone dal 26 ottobre 2020 la sospensione delle attività didattiche in presenza, nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, con ricorso alla didattica a distanza fino a tutto il 13 novembre 2020, rimettendo in capo alle Autorità Scolastiche la rimodulazione delle stesse; successivamente, dal 14 al 24 novembre 2020, a seguito dell’analisi dei dati epidemiologici, si valuterà la possibilità di consentire la didattica digitale integrata nella misura non inferiore al 75% delle attività. Ordinanza

Aggiornamento 30 ottobre: scuole chiuse in nove Comuni. Nuova Ordinanza Regione

Campania: si conferma la sospensione dell’attività didattica in presenza nelle scuole primarie e secondarie fino al 31 ottobre. Ordinanza

Al termine di una riunione del 27 ottobre convocata dal presidente della Regione Vincenzo De Luca con i rappresentanti del mondo della scuola, i sindacati e la Direzione scolastica, con i dirigenti delle Asl, dell’ospedale Santobono e i componenti dell’unità di crisi, è stata riconfermata la chiusura delle scuole. Tra 10 giorni nuova valutazione. Approfondisci

Aggiornamento del 30 ottobre: da lunedì stop anche a scuole infanzia fino al 14 novembre. Ordinanza

Emilia Romagna: la nuova ordinanza dal 27 ottobre, e fino al prossimo 24 novembre, alza al 75% la percentuale minima di didattica a distanza alle scuole superiori, con criteri di rotazione fra le classi o fra gli studenti all’interno delle classi. Ordinanza

Liguria: didattica a distanza al 75% nelle scuole secondarie di secondo grado dal 27 ottobre al 24 novembre. Ordinanza

Lombardia: la Regione conferma la didattica a distanza per tutte le scuole superiori dal 26 ottobre, come già previsto dall’Ordinanza n. 623. Nota regionale del 26 ottobre.

Nuova ordinanza n. 624 del 27 ottobre.

Marche: didattica digitale integrata, a distanza, per tutti gli alunni, a partire da martedì 3 novembre. Rimane la possibilità di svolgere in presenza le attività laboratoriali e le verifiche scritte. Ordinanza.

Piemonte: dal 2 al 24 novembre chiuse le scuole superiori. Ordinanza

Puglia: dal 30 ottobre al 24 novembre sospensione delle attività didattiche in presenza per le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado e scuola secondaria di secondo grado). Ordinanza

Sicilia: stop alla didattica in presenza nelle scuole superiori. Circolare n. 24 del 26 ottobre 2020
Aggiornamento 29 ottobre: qualora necessario si può garantire 25% in presenza. La nota della regione

Il governatore Nello Musumeci valuta modifica ordinanza per Dad al 75% e non più 100%. Approfondisci

Toscana: dal 28 ottobre didattica a distanza per il 75% degli studenti delle scuole superiori. Ordinanza

Trento: no alla didattica a distanza per le superiori (il governo chiedeva almeno il 75% delle lezioni in modalità digitale): secondo Fugatti in Trentino il problema non sono le scuole (ci sono in questo momento più di 100 classi in quarantena su 4900); le maggiori criticità sono i trasporti e gli assembramenti di studenti fuori dalla scuola. Ordinanza

Umbria: sospesa attività didattica nelle scuole secondarie di primo e secondo grado dal 3 al 14 novembre. Nota Regione

Valle d’Aosta: dal 31 ottobre didattica a distanza al 75% flessibile. Approfondisci

Veneto: dal 28 ottobre al 24 novembre Dad per almeno il 75% degli studenti delle scuole superiori. Viene raccomandata l’applicazione dell’attività didattica in presenza prioritariamente nelle classi prime. Ordinanza

In ogni caso anche nelle regioni dove era stata prevista la didattica a distanza al di sotto della soglia del 75%, indicata dal nuovo Dpcm, le scuole dovranno adeguarsi al nuovo provvedimento. Didattica a distanza alle superiori dal 27 ottobre, soglia minima 75%. Nota del Ministero

Firmato Dpcm: didattica a distanza dal 75% al 100% orario superiori, concorso straordinario continua, stop gite. TESTO definitivo

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!