Scuole aperte venerdì 19 maggio a Bologna. Il sindaco Lepore: “Emergenza non è ancora finita, limitate gli spostamenti”

WhatsApp
Telegram

Visto l’attenuarsi delle piogge nell’area di Bologna, riprende domani, venerdì 19 maggio, l’attività didattica nel territorio comunale in tutte le scuole di ogni ordine e grado: nidi, scuole dell’infanzia, elementari, medie e superiori.

Lo fa sapere il Comune di Bologna. Rimarranno chiuse la scuola primaria Longhena e la scuola dell’infanzia Casaglia perché non raggiungibili in sicurezza a causa degli smottamenti nell’area collinare. Resta chiusa anche la scuola dell’infanzia Follereau a causa di infiltrazioni che richiedono ulteriori interventi. Sono in corso verifiche per la scuola dell’infanzia Scarlatti. Entro sera la scuola informerà direttamente i genitori sulla riapertura o meno.

“Questa mattina – spiega il sindaco Matteo Lepore – con i Sindaci della città metropolitana abbiamo valutato che, visto l’attenuarsi del maltempo e le differenze oggettive delle varie zone del territorio, ognuno deciderà in autonomia sulla riapertura delle scuole per domani. Ringrazio tutti i Sindaci per il grande lavoro di squadra e per il costante coordinamento che abbiamo mantenuto nei giorni scorsi prendendo, in piena emergenza, decisioni comuni per il bene di tutto il territorio metropolitano. L’emergenza non è finita: invito la cittadinanza a continuare a limitare gli spostamenti sul territorio anche nei prossimi giorni. Nel capoluogo la priorità è affrontare la situazione delle frane e smottamenti nella zona collinare, su questo si stanno concentrando i nostri tecnici e la polizia locale in collaborazione con vigili del fuoco e protezione civile. Ci sono diverse famiglie isolate sui colli ma le abbiamo già raggiunte e siamo in contatto costante. Stiamo gestendo tutte le situazioni segnalate”.

Domani riapriranno a Bologna anche musei, biblioteche, centri sportivi comunali e cimiteri. Rimane anche per domani il divieto di accedere e stazionare in parchi e aree verdi adiacenti alle aree fluviali e di stazionare sotto gli alberi in tutti i parchi. Si ricorda in particolare che è molto pericoloso frequentare i parchi fluviali, perché il terreno potrebbe muoversi anche in assenza di pioggia e ci potrebbero essere smottamenti. Il Comune rinnova l’invito a non spostarsi con mezzi propri e ad usare i mezzi pubblici e, per quanto possibile, alle imprese a favorire lo smart working. Sono state revocate poco fa le ordinanze di evacuazione emesse in alcune vie della città nei giorni scorsi e le persone potranno rientrare nelle loro abitazioni.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Corso di formazione, libro “Studio rapido” e simulatore per la prova scritta