Scuole aperte anche d’estate, Fedeli “va fatto”. Rusconi “utilizziamo i giovani precari”. Cosa ne pensi?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Scuole aperte di pomeriggio, un’idea sostenuta anche dal Ministro Fedeli, almeno secondo quanto riporta il quotidiano “La Stampa”.

Ma ci sono alcune problematiche, afferma Rusconi dell’ANP, infatti “I bidelli lavorano in estate, gli addetti alla segreteria e i presidi anche. Per garantire una vera assistenza agli studenti sarebbe necessario rimodulare l’orario di servizio degli insegnanti e prevedere un impiego dei giovani precari.”

Sulla questione è intervenuto anche il responsabile scuola di FI, Centemero, “Le scuole aperte d’estate, come accade in molti Paesi UE, hanno due presupposti irrinunciabili. Il primo è quello di modificare il nuovo contratto nazionale in modo tale che i costi non gravino sul bilancio dello Stato. Questo perché, ed è la seconda considerazione, la scuola estiva non deve comportare spese per le famiglie e gli alunni, se non quelle di iscrizione e del servizio mensa”.

Tu cosa ne pensi?

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare