Scuole aperte a luglio, il Trentino esulta: “Un successo, ho incontrato tante mamme lavoratrici che mi hanno ringraziato”. Le parole dell’assessore

WhatsApp
Telegram

Mirko Bisesti, l’assessore uscente all’istruzione della provincia di Trento, evidenzia l’importanza di rimettere al centro il ruolo del docente nella scena educativa, sottolineando la necessità di riconoscere il merito e rispetto che la professione merita.

Nel suo bilancio di cinque anni all’assessorato, Bisesti ha difeso con fervore il disegno di legge sulla carriera dei docenti, introdotto a maggio, ma mai arrivato all’aula del consiglio provinciale.

L’idea di suddividere i docenti in tre categorie – esperti, ricercatori e delegati all’organizzazione, introducendo così un concetto evoluto di carriera scolastica, è stata una delle pietre miliari del progetto di riforma. Tuttavia, l’iniziativa non ha trovato il consenso necessario, mancando, secondo l’assessore, del coraggio indispensabile per affrontare una trasformazione cruciale per migliorare l’ambito educativo. Bisesti sottolinea l’importanza di applicare il principio del merito non solo agli studenti ma anche al corpo docente, rendendo la professione docente più attrattiva per le nuove generazioni.

In un’intervista a Il Dolomiti, l’assessore esprime soddisfazione per la decisione di prolungare l’apertura delle scuole materne a luglio, definita una mossa coraggiosa per rispondere alle esigenze delle famiglie in una società in continua evoluzione. Nonostante le critiche da parte dei sindacati e della Federazione delle scuole materne, Bisesti vede questa iniziativa come una risposta positiva alle necessità delle madri lavoratrici e delle famiglie con limitate risorse economiche. Tuttavia, egli riconosce che il servizio necessita di ulteriori miglioramenti, invitando il settore privato a partecipare attivamente per incrementare la flessibilità lavorativa.

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo