Scuole all’estero, requisiti per docenti: 6 anni ruolo, certificazione B2 e competenze progetti intercultura

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nel corso dell’informativa al Miur sui decreti attuativi della legge n. 107/2015, si è parlato anche di quelli relativi alle scuole italiane all’estero. 

Abbiamo già parlato dei decreti relativi all’inclusione scolastica e al sistema integrato 0-6:

Sostegno, funzioni del GLIR. Informativa sul Gruppo di lavoro interistituzionale regionale per l’inclusione

Sistema 0-6, riconoscimento in GaE e GI servizio sezioni primavera. Laurea SFP va integrata per ruolo educatore

Quanto alle scuole italiane all’estero, è stata illustrata ai sindacati una bozza di decreto, previsto dal D.lgs. n. 64/2017 (attuativo della citata legge 107/15), voltoa a definire il profilo professionale per svolgere la professione di docente all’estero, di lettore e ATA.

PERSONALE DOCENTE

Questi, come riferito dalla Gilda, i nuovi requisiti culturali e professionali richiesti:

  • almeno 3 anni di ruolo;
  • possesso della lingua con una certificazione almeno B2;
  • competenze certificate di progetti di intercultura e di respiro internazionale.

Si prevede, inoltre, la permanenza all’estero per almeno 6 anni.

LETTORE

Il decreto prevede, per i lettori, la qualifica di docente di materie letterarie o di lingua straniera.

PERSONALE ATA

Per il personale ATA è prevista la conoscenza della lingua e, come riferito sempre dalla Gilda, una formazione propedeutica di 12 ore gestita da Indire e quindi una formazione specifica in servizio nelle scuole di assegnazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione