Scuole al freddo: termosifoni funzionano male, spifferi, risparmio sui costi. Indagine su 10.000 studenti

Stampa

Un nuovo sondaggio di Skuola.net, condotto su 10mila ragazzi, rivela le condizioni in cui numerosi studenti affrontano il rientro a scuola dopo la pausa natalizia. 

I risultati del sondaggio Skuola.net

Oltre 10mila  studenti  hanno voluto affidare al portale per studenti il loro malcontento, visto che circa 1 su 3 ha raccontato di un rientro a scuola ‘da brividi’. Con il Sud, meno abituato a confrontarsi con le basse temperature, che soffre ancora di più: qui è il 40% dei ragazzi a lamentare disagi.

La causa di tanto gelo? In quasi 9 casi su 10 caloriferi non vanno come dovrebbero: in alcuni casi i  termosifoni riscaldano solo in alcune aree del proprio istituto ma una delle lamentele rivela anche  l’accensione a singhiozzo, per poche ore, per risparmiare sui costi di gestione.

Più di 1 ragazzo su 10 – il 12% – riporta che l’impianto è addirittura rotto.

Ad alimentare il gelo delle scuole intervengono anche altri elementi strutturali: è così per il 13% degli intervistati, che parlano soprattutto di porte e finestre che non chiudono bene, disperdendo il calore di impianti già affaticati di loro.

Lezioni vanno avanti

Ma le lezioni, quasi per tutti, devono andare avanti; così ci si organizza. In che modo? Con le più tradizionali delle soluzioni: il 62% degli studenti, per evitare il congelamento, rimane con giubbini, guanti e cappelli per tutta la giornata; nei casi più estremi ci si aiuta con plaid, coperte e stufette elettriche. Qualcuno però non ci sta e rimane a casa (11%). Rarissimo che la scuola venga chiusa a causa del freddo (4%), che si spostino i ragazzi negli ambienti più caldi (4%) o che si proceda all’orario ridotto (2%).

Le proteste

Il fatto che si tenti di far buon viso a cattivo gioco, però, non vuol dire che il popolo della scuola digerisca la situazione in modo passivo. In oltre la metà dei casi (57%) si sono levati cori di protesta, quasi sempre (34%) da parte dei soli studenti; ma non mancano gli episodi in cui si sono uniti a loro anche i professori (19%) o sono stati direttamente questi ultimi a farsi portavoce del malcontento (4%). Le forme più diffuse di protesta? La reazione, per la maggioranza, è decisamente soft: il 26% ha scritto una lettera alle istituzioni scolastiche, il 23% ha scioperato silenziosamente. In più di 1 caso su 4, però, si è passati alle vie di fatto: con assemblee straordinarie (8%), autogestioni (7%), manifestazioni (5%), occupazioni (4%) e sit-in (3%). E la primavera è ancora lontana.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur