“Scuola Viva”, progetto Regione Campania contro dispersione. L’assessore Fortini: staffetta con “Scuola al Centro”

Stampa

«Scuola Viva» raccoglierà il testimone da Scuole Aperte. Abbiamo deciso d’accordo con il Miur che, avendo loro già a disposizione le risorse necessarie, avrebbero aperto le scuole fin da subito, mentre noi avremmo portato avanti il nostro progetto dal prossimo anno: come in una sorta staffetta. Credo sia un ottimo esempio di collaborazione tra istituzioni». 

«Scuola Viva» raccoglierà il testimone da Scuole Aperte. Abbiamo deciso d’accordo con il Miur che, avendo loro già a disposizione le risorse necessarie, avrebbero aperto le scuole fin da subito, mentre noi avremmo portato avanti il nostro progetto dal prossimo anno: come in una sorta staffetta. Credo sia un ottimo esempio di collaborazione tra istituzioni». 

Sono queste le parole con cui l'assessore all'Istruzione e alle politiche sociali Lucia Fortini ha presentato il progetto "Scuola Viva", che permetterà, dal prossimo anno scolastico, l'apertura delle scuole campane anche nei mesi di luglio, agosto e settembre.

Obiettivo primario del progetto, come anche quello nazionale "Scuola al Centro" è combattere la dispersione scolastica.

I progetti sono destinati a studenti di ogni ordine e grado (esclusi quelli della scuola dell'Infanzia) e consisteranno nello svolgimento di attività volte al recupero delle competenze di base, all'integrazione degli allievi con disabilità, incontri di orientamento, consulenza psicologica. Gli Istituti secondari di secondo grado potranno porre in essere percorsi di alternanza scuola-lavoro, progetti di apprendimento consistenti in formazione in aula e stage in azienda e i progetti di rete che sono articolati in 4 fasi: orientamento, formazione in aula o visite di studio, attività di impresa simulata e project work.

Il progetto "Scuola Viva"  sarà finanziato per il triennio 2016-19 con l'erogazione di 50.000 euro l'anno per ciascuna delle scuole partecipanti, che in tutto possono essere 500. La selezione dei progetti avverrà in seguito ad un avviso pubblico e vi si potrà partecipare entro il 31 maggio del corrente anno.

La somma stanziata dal progetto della Regione Campania (50.000 euro per ciascuna scuola) è di gran lunga superiore ai 15.000 euro per ciascuna istituzione scolastica stanziati dal MIUR nell'ambito del progetto "scuola al Centro" e potrà permettere certamente una realizzazione delle attività programmate più agevolmente, consentendo adeguati compensi a coloro i quali (docenti, ata…) saranno chiamati a condurre e a partecipare alla detta realizzazione. 
 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur