“Verba et Acta”: progetto dell’USR Marche per l’evoluzione delle competenze linguistiche negli istituti professionali

WhatsApp
Telegram

“È imponente il gap nelle competenze linguistiche degli studenti che frequentano il secondo anno degli istituti professionali rispetto ai coetanei inseriti nei percorsi liceali e tecnici che si registra ogni anno dai risultati delle rilevazioni campionarie condotte dall’INVALSI nelle Marche. Differenze che investono fino a un 25% del punteggio medio nazionale, confermando la preoccupante tendenza alla polarizzazione dei risultati di apprendimento in atto nella regione”. Così in una nota l’USR Marche.

Partendo da questi dati, l’Ufficio scolastico regionale per le Marche ha promosso nel 2020 un progetto sperimentale che è stato inserito dal Ministero dell’Istruzione fra i “progetti innovativi di rilevanza strategica” di livello nazionale e finanziato con un impegno di spesa di 50.000 euro.
Un’iniziativa che ha lo scopo di contribuire al compito istituzionale di assicurare la realizzazione effettiva della “equivalenza formativa di tutti i percorsi”

Ora, dopo la pausa forzata dovuta all’emergenza pandemica, riprendono le attività del progetto, che si avvale della collaborazione dell’Università Roma Tre, dell’Istituto di linguistica computazionale “Zampolli” di Pisa (CNR) e dell’IIS “Cuppari-Salvati” di Jesi e prende spunto da una precedente ricerca realizzata nella scuola primaria da Benedetto Vertecchi, pedagogista e professore emerito dell’ateneo romano.

Con i dovuti adattamenti al contesto dell’esperimento marchigiano, si parte dall’assunto che al diminuire della pratica della scrittura corrisponde un impoverimento delle capacità tecniche, linguistiche ed emozionali, mentre l’esercizio quotidiano inverte questa deriva. Di qui la scelta di proporre agli studenti di un campione di classi prime degli istituti professionali la pratica quotidiana di una scrittura breve (non più di venti minuti), corsiva, non soggetta a correzione né a valutazione, per verificare, tramite una serie di indicatori, se questa nel tempo accresce la padronanza di esecuzione, le competenze linguistiche, l’intelligenza emotiva, la capacità di astrazione e i consumi culturali, migliorando allo stesso tempo l’apprendimento e il comportamento.

L’iniziativa è stata presentata in un convegno svoltosi a Jesi con la partecipazione di Benedetto Vertecchi e Francesco Agrusti, dell’Università Roma Tre, Felice Dell’Orletta e Giulia Venturi dell’Istituto “Zampolli” e la responsabile dell’area per la valutazione delle scuole dell’INVALSI, Michela Freddano.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso