Scuola primaria: no ai giudizi, sì ai voti. Lettera

Stampa
ex

inviata da Mario Bocola – Sono fermamente contrario alla cancellazione del voto numerico nella scuola primaria. Il giudizio è spesso molto ondivago sottoposto da parte dei genitori a mille interpretazioni, mentre il voto numerico è preciso, secco e non da’ adito a valutazioni sommarie.

Il giudizio può essere inteso in maniera molto personale, mentre la valutazione in decimi no.

L’alunno, fin dalle scuola prima deve avere contezza dell’importanza della prova e deve essere convinto se l’ha svolta correttamente o no.

Se prende 4 o 5 significa che deve migliorare le sue performance; se prende 6, 7, 8 fino a 10 significa che deve migliorare sempre più per avere il massimo. Il giudizio invece non offre all’alunno questa possibilità e lo lascia nell’incertezza assieme al genitore che sicuramente vorrà spiegazioni dall’insegnante.

Ad esempio si sente affermare: “Mio figlio alla verifica scritta o orale ha avuto buono. Ma questo buono a che voto corrisponde?”.

E il docente deve dare spiegazioni al genitore e questo non è, a volte, facile.

Per cui lasciamo la valutazione numerica alla scuola primaria perché l’alunno possa avere consapevolezza delle personali capacità e potenzialità.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia