Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Scuola presidio di abilità sociali: un esempio di UdA per le superiori

Stampa

Molti bambini non amano andare a scuola. Tuttavia, quando si tratta di fissare uno schermo per la maggior parte della giornata (come è avvenuto negli ultimi due anni), anche coloro che amano l’apprendimento hanno e stanno attraversando un momento difficile con la nostra nuova realtà virtuale. Quando la scuola è stata online al 100%, ci sono state tutte le cose difficili e noiose senza le parti che i bambini, gli adolescenti e i ragazzi, ritengono essere le più divertenti come uscire con gli amici, studiare a cassa con i compagni, i viaggi di istruzione o le uscite didattiche, le visite ai musei, l’utilizzo delle biblioteche e, perché no, i cinema e i teatri.

E si scopre che a causa dell’apprendimento a distanza, i nostri alunni, dai piccolissimi ai più grandi, non si stanno perdendo solo il divertimento. Gli esperti che studiano lo sviluppo del bambino e dei ragazzi affermano che le interazioni sociali che avvengono a scuola insegnano ai nostri alunni abilità diverse, ma ugualmente importanti, rispetto agli insegnanti. Cosa abbiamo perso e quali prospettive per il nuovo anno, alla luce anche delle ultime prese di posizione di governo e ministro dell’Istruzione.

Cosa insegna la scuola?

La scuola è il gonfalone più autorevole di presidio delle abilità sociali

Quando il COVID-19 ha colpito per la prima volta, molti erano concentrati su ciò che ai ragazzi sarebbe mancato dal lato scolastico. In che modo gli studenti saranno in grado di recuperare il ritardo nella lettura o nella matematica? Come potranno imparare gli studenti senza accesso a computer o servizi Internet affidabili? Mentre queste continuano ad essere valide preoccupazioni, c’è anche il lato sociale ed emotivo da considerare. Quel lato della formazione a cui nessuno può e deve rinunciare. Un percorso che trasversalmente interessa tutti i nostri alunni. Allievi a cui dobbiamo necessariamente indirizzare tutte le nostre attenzioni.

I bambini dovrebbero tornare a scuola di persona questo autunno

A giugno, l’American Academy of Pediatrics ha rilasciato una dichiarazione in cui diceva che i bambini, i più piccoli allievi delle nostre scuole, dovrebbero tornare a scuola di persona questo autunno, senza se e senza ma. La dichiarazione ha scatenato una polemica e ha fatto arrabbiare molti genitori. Non avevano nemmeno torto ad essere arrabbiati. Il COVID-19 è un grave problema di salute pubblica. Una eventuale variante potrebbe peggiorare davvero la situazione. E allora? Cosa fare? Come comportarsi? Quali accorgimenti bisognerebbe adottare? E poi, è solo davvero un problema di piccoli alunni? Siamo certi che il problema della socialità non sia un fenomeno che trasversalmente interessi tutta la scuola italiana e una fascia più estesa d’età: 4-19, ad esempio?

È importante che i nostri alunni siano fisicamente presenti con altri bambini, adolescenti, ragazzi e adulti al di fuori delle loro famiglie

Per la verità, nulla togliendo alle varie posizioni (non certo scientifiche) dei genitori, davvero preoccupati, l’American Academy of Pediatrics stava cercando di sottolineare che è importante anche che i bambini siano fisicamente presenti con altri bambini e adulti al di fuori delle loro famiglie. E questo è particolarmente vero per i bambini in età prescolare per i quali stare in classe non significa imparare a contare bensì e prioritariamente vuol dire specificatamente e particolarmente imparare a condividere e giocare con gli altri bambini. Ma è anche vero, complessivamente per tutti gli studenti italiani e del mondo, C’è una dimensione che essi hanno totalmente perso in questi due anni: la dimensione, come dicevamo della socialità. Aspetto che neppure gli ottimi interventi estivi sono riusciti a compensare. Analizzando le tante esperienze di questi due mesi estivi, quella ad esempio dell’ICS Sebastiano Bagolino di Alcamo con la sua dimensione inclusiva di alto livello, non possiamo che compiacerci della grande risposta che sta fornendo la scuola. Ottime, ad esempio, le numerose scelte che hanno puntato sulla dimensione del viaggio, per le nostre scuole secondarie superiori, ad esempio.

Le interazioni sociali

Le interazioni sociali che i nostri alunni hanno a scuola sono pratiche per le interazioni sociali che abbiamo da adulti. Anche se queste abilità possono sembrare naturali o automatiche, non è così. Dobbiamo impararli.

Come aiutare a colmare il divario di socializzazione

Cosa possono fare i genitori, gli adulti e la comunità per sostenere i nostri figli per colmare, anche se parzialmente, ma immediatamente, il potenziale divario di socializzazione causato dal distanziamento sociale?

In primo luogo, gli esperti di sviluppo consigliano ai genitori di non preoccuparsi troppo di ciò che i loro figli potrebbero perdere qui, in questo momento storico e in questo luogo fisico in cui si vive e si condivide questa paura e questa angoscia. I bambini, gli adolescenti, i nostri ragazzi tendono ad essere tra gli esseri umani i più resilienti e i meglio adattabili. Superata la fase scolastica l’essere umano perde, meglio, assottiglia, questa sua capaccità.

Le scuole tutte tenderanno a creare i presupposti per riuscire a compare tale divario. E non solo le scuole dell’Infanzia e della Primaria. In generale anche le secondarie, anche la superiore, come nel caso del Liceo Statale “Isabella Gonzaga” di Chieti (l’UdA che proponiamo è per una seconda classe, coordinatore la professoressa Antonella Colantoni e i Proff. D’Addario, Zanni) diretto con magistrale competenza dal dirigente scolastico Prof.ssa Daniela Mezzacappa, una vera icona della scuola di alto livello.

Però, i nostri giovanissimi e giovani possono svilupparsi socialmente ed emotivamente anche a casa … però…

Possono guadagnare molto dall’interazione con genitori, fratelli e persino animali domestici. Anche senza l’interazione fisica con i loro coetanei, i bambini, i ragazzi possono svilupparsi socialmente ed emotivamente, pur con più difficoltà, ma certamente con evidenti risultati positivi.

In effetti, scrivono gli esperti del Centro familiare di scambio”, gli psicologi concordano sul fatto che una delle cose migliori che i genitori possono fare per i propri figli durante questo periodo di incertezza è ridurre il più possibile la propria ansia . È molto importante per i genitori mantenere la calma e cercare di non farsi prendere dal panico di fronte ai propri figli. Meglio, di fronte alle mancanze che hanno i loro figli e che neppure l’ansia più sfrenata può sanare o ricolmare.

Imparare a negoziare e risolvere le divergenze

I bambini, talvolta anche gli adolescenti, un poco meno i ragazzi, trovano conforto nelle relazioni che hai all’interno della tua stessa casa. La ricerca suggerisce che i bambini che sviluppano forti attaccamenti con i loro genitori hanno amicizie più forti più avanti nella vita. Se c’è più di un bambino in casa, fratelli o cugini stretti possono aiutarsi a vicenda per imparare a negoziare e risolvere le divergenze.

Le conversazioni aperte e sincere

Puoi anche facilitare la socializzazione avendo conversazioni aperte con i tuoi figli sui diversi ruoli che le persone svolgono all’interno della famiglia. Prova a pensare alla tua casa come a un piccolo laboratorio di socializzazione per insegnare a tuo figlio abilità che potrebbero non apprendere direttamente dai loro insegnanti.

Le lezioni sull’empatia e sul linguaggio

Ad esempio, puoi tenere lezioni sull’empatia e sul linguaggio facendo uso adeguato dei tuoi animali domestici come spunti di conversazione facendo domande come, ad esempio, “cosa pensi che provino?” O, anche, “pensi che gli piaccia?” Puoi anche esercitarti a nominare i sentimenti e discutere su cosa pensano i personaggi dei libri mentre leggi ad alta voce a tuo figlio una storia, una favola o una fiaba.

Insegnare la responsabilità

Infine, per insegnare la responsabilità, sarebbe utile, addirittura necessario, attribuire ai bambini responsabilità adeguate allo sviluppo, a casa. Potresti chiedere, ad esempio, al tuo bambino di 4 anni di aiutarti a creare un programma per la giornata o a pianificare la cena per la settimana. Per i bambini più grandi, chiedi loro di fare il bucato o dai loro un budget e lascia che pianifichino la lista della spesa per la settimana. Ai ragazzi delega, ad esempio, l’organizzazione del pranzo, della spesa settimanale ma, anche, la possibilità di creare un percorso di riadattamento (all’età, naturalmente) della propria abitazione a partire proprio dalla loro stanza da letto. Tutte queste sono abilità trasferibili e aiuteranno i tuoi figli a sentirsi più preparati quando potranno tornare alle loro classi e ai loro amici.

Non è il momento per le lezioni sull’apprendimento delle abilità sociali

La cosa più importante da tenere a mente qui è che ora non è il momento per le lezioni sull’apprendimento delle abilità sociali. Se continui a far vivere loro o a pianificare momenti ludici, è più probabile che queste lezioni sull’apprendimento delle abilità sociali siano davvero in grado di cambiare le prospettive e costruire socialità nuove. Ricorda che il gioco è una forma essenziale di apprendimento anche per i bambini.

Il ritorno a scuola deve essere accompagnato dal gioco

È vero che i bambini imparano più degli insegnanti essendo fisicamente presenti in classe con i loro coetanei e insegnanti. Ma possono anche imparare molto a casa! Però non dimentichiamoci mai che il ritorno a scuola, speriamo in assoluta e fondamentale presenza fisica, deve essere accompagnato da gioco, tanto gioco e momenti di ludicità comunicativa.

UDA CLASSI SECONDE secondaria superiore CHIAMALE SE VUOI EMOZIONI

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”