Scuola paritarie, Giannini: non c’è competizione con la scuola statale

Stampa

Il Ministro Giannini, ospite alla presentazione  del libro “Il diritto di apprendere. Nuove linee di investimento per un sistema integrato”, svoltasi presso la Biblioteca Alessandrina di Roma, ha letto un messaggio avente per oggetto le scuole paritarie. 

Il Ministro Giannini, ospite alla presentazione  del libro “Il diritto di apprendere. Nuove linee di investimento per un sistema integrato”, svoltasi presso la Biblioteca Alessandrina di Roma, ha letto un messaggio avente per oggetto le scuole paritarie. 

La Giannini ha affermato che le scuole paritarie permettono di attuare il principio costituzionalmente garantito della sussidiarietà e del pluralismo, che sono alla base di una società avanzata. Queste le parole del Ministro:  “In linea con il dettato costituzionale – sottolinea il ministro, che ha scritto anche la prefazione del volume – le scuole paritarie rendono concreto quel principio di sussidiarietà nel mondo della scuola e quel pluralismo che una società avanzata ormai richiede”.

Scuole statali e paritarie, ha proseguito la Giannini, non sono in competizione ma devono progredire di pari passo. Al riguardo, il titolare del Miur ha ricordato i recenti provvedimenti del Governo, ossia lo stanziamento di 12,2 milioni di euro per l'a.s. 2016/17 tramite il DL 42/2016, per il sostegno dei disabili frequentanti le scuole paritarie.

“I principi di solidarietà, di integrazione e di inclusione sociale – ha spiegato il Ministro – valgono in tutte le scuole”.

Nel corso del suo intervento, la Giannini ha ricordato anche lo school bonus, che riguarda le scuole sia statali che le paritarie. 

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!