A scuola non si parla!

di redazione
ipsef

Rita Paonessa  – «Non è vero che i ragazzi non vogliono studiare. Non vogliono studiare come abbiamo studiato noi, ecco tutto». Era il 1970 e Gianni Rodari auspicava un cambiamento radicale dei metodi didattici sul modello di paesi come la Svezia.

Rita Paonessa  – «Non è vero che i ragazzi non vogliono studiare. Non vogliono studiare come abbiamo studiato noi, ecco tutto». Era il 1970 e Gianni Rodari auspicava un cambiamento radicale dei metodi didattici sul modello di paesi come la Svezia.

Ancora oggi molto resta da fare per costruire una scuola diversa e migliore, nemmeno i primi passi fatti dalla legislazione italiana sono sufficienti. Proprio con lo spirito di rivoluzionare i metodi didattici e di formarsi, da domani fino al 15 aprile, presso l’Istituto Comprensivo di Borgia, si terrà ‘A scuola non si parla!’.

Una tre giorni di laboratori per docenti, genitori e studenti di tutti gli ordini e gradi (saranno presenti anche gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro).

Un’occasione unica per ripensare l’apprendimento e, quindi, la società. Domani, l’apertura dei lavori. Da martedì 14, esperti provenienti da tutta Italia terranno i laboratori con un ampio ventaglio di temi e proposte di filosofia dialogica e didattica laboratoriale.

Mercoledì 15, presentazione del premio nazionale ‘Mario Lodi’. Alle 18,30, presso la libreria Ubik di Catanzaro Lido, sarà inoltre presentata la rivista Amica Sofia.

Giovedì 16 e venerdì 17, gli alunni del Liceo classico ‘Galluppi’ di Catanzaro saranno coinvolti nei laboratori di filosofia con i bambini per le scuole della rete Gutenberg, che si terranno a Martelletto e presso lo stesso Liceo Galluppi.

Apprezzamenti per l’iniziativa sono arrivati dalle deputate Simona Malpezzi e Michela Marzano (filosofa). Ci sarà spazio per la matematica e per il pensare insieme agli altri. Per la filosofia civile rivolta agli adulti e per la filosofia con i bambini. Per il multimediale in classe e per il teatro-immagine. Per la pittura e per il museo. Per le fiabe e per i miti. E ancora, l’archeologia, il cinema, il movimento e la musica. Discipline e percorsi che si inseriscono nel solco dei laboratori di filosofia con i bambini già realizzati da quattro anni in tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo di Borgia.

La tre giorni, presentata nell’ultima edizione della Fiera del libro per ragazzi di Bologna, è stata organizzata dall’Istituto Comprensivo Statale di Borgia ‘G.Sabatini’ in collaborazione con Amica sofia, Ufficio Scolastico Regionale, Fondazione San Carlo Di Modena e Associazione Culturale Di.Co. Marca. Rappresenta il punto di arrivo, e di partenza, di sperimentazioni e confronti sfociati nella costruzione di una rete di istituzioni scientifiche, universitarie e scolastiche di altissimo livello.

Tra le altre: l’Osservatorio di Comunicazione Ortoformativa e Multimediale (OSCOM) dell’Università Federico II di Napoli, l’associazione nazionale Amica sofia dell’Università di Perugia, il Dipartimento di Filosofia dell’Università della Calabria, l’Università Magna Graecia di Catanzaro, il Liceo Classico P. Galluppi, la rete regionale di scuole “Progetto Gutenberg”. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio dell’Accademia Di Belle Arti di Catanzaro, Provincia di Catanzaro e i Comuni di Borgia, Caraffa e San Floro.

La locandina dell’evento è stata realizzata dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro.

Per maggiori info: www.icsabatiniborgia.it.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione