Scuola media abolisce il voto di condotta, la preside: i nostri alunni non sono numeri

WhatsApp
Telegram

Il voto in condotta sparisce dalla pagella e i genitori insorgono: in una scuola media in provincia di Lecce la decisione è stata adottata nel corso dell’anno scolastico, a fine febbraio 2017.

Il 24 febbraio i genitori hanno scritto alla dirigente scolastica e ai docenti per lamentare il mancato coinvolgimento nella decisione di eliminare il voto comportamentale. Il 15 marzo, poi, si è svolta una riunione durante la quale si è parlato dell’argomento.

La dirigente scolastica ha motivato con questa nota: “I nostri alunni non sono un numero. La valutazione è la sintesi di un processo, per questo ai voti decimali preferiamo un giudizio. Dopo un percorso di auto-aggiornamento, su proposta degli stessi docenti, è stato deciso di sostituire (e non di eliminare) nella Scuola Secondaria di Primo Grado il voto in decimali del comportamento con un giudizio esplicativo richiamandosi alla rubrica valutativa strutturata per livelli di competenza e suddivisa in aree sulla base dell’articolazione del Curricolo Socio Affettivo, rispondente alle Competenze Sociali e Civiche previste dal Quadro europeo delle Competenze. Per mezzo di tale rubrica è possibile collegare i livelli al voto numerico. Rubrica e relativi livelli fanno parte integrante e sostanziale della Scheda di Valutazione di ogni singolo alunno. Tali scelte sono coerenti con il percorso di Sperimentazione, Ricerca e Sviluppo avviato dall’Istituto in ambito valutativo nel rispetto della funzione formativa e proattiva della valutazione soprattutto in presenza di fenomeni gravi quali il bullismo, senza per questo venir meno alle indicazioni del DPR 122/2009”.

Fonte

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur