Scuola-lavoro, nella riforma 200 ore licei 400 tecnici e professionali

di Giulia Boffa
ipsef

Nella bozza del ddl de La Buona Scuola sono previste almeno 400 ore da passare in azienda per gli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno dei tecnici e dei professionali.

Nella bozza del ddl de La Buona Scuola sono previste almeno 400 ore da passare in azienda per gli studenti del secondo biennio e dell'ultimo anno dei tecnici e dei professionali.

200 sono le ore prevste per i licei. L'alternanza si farà in azienda, ma anche in enti pubblici, e potrà essere svolta durante la sospensione dell'attività didattica, anche con la modalità dell'impresa formativa simulata.

A partire dal secondo anno dei percorsi di istruzione secondaria superiore, gli studenti possono svolgere period di formazione in azienda attraverso contratti di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale.

A disposizione un fondo, a regime, di 100 milioni all'anno a partire dal 2016. Per innovazione didattica e laboratori territoriali, aperti anche di pomeriggio, sono stanziati invece subito 90 mln L'obiettivo è orientare i giovani al lavoro e contrastare la dispersione.

Sarà il dirigente scolastico ad individuare le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili all'attivazione di percorsi di alternanza e a stpulare apposite convenzioni, anche finalizzate a favorire l'orientamento scolastico e universitario dello studente.

I dirigenti potranno anche stipulare analoghe convenzioni con musei,istituti e luoghi della cultura nonché con gl uffci centrali e periferici del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo.

la nostra sezione dedicata alla Buona Scuola

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare