La scuola italiana non forma i profili che servono alle aziende: ecco i motivi

WhatsApp
Telegram

Mentre il tasso di disoccupazione giovani sfiora il 28% le aziende ancora non riescono a trovare tutti i tecnici specializzati di cui hanno bisogno. I giovani non trovano lavoro, le aziende non trovano i dipendenti che cercano.

Mentre il tasso di disoccupazione giovani sfiora il 28% le aziende ancora non riescono a trovare tutti i tecnici specializzati di cui hanno bisogno. I giovani non trovano lavoro, le aziende non trovano i dipendenti che cercano.

Quello che manca in Italia sono i tecnici specializzati che abbiano profili professionali in linea con le esigenze delle aziende e la ricerca è difficile, secondo il sistema informativo di Unioncamere soprattutto per questi profili: meccanici, elettrotecnici, specialisti in aeronautica, chimici, ingegneri civili, ingegneri elettronici. Ma mancano anche stuccatori edili, tecnici commerciali, ottici.




Questi sono i profili tecnici più preziosi e introvabili per le aziende, il 12% delle assunzioni programmate dalle aziende sono di difficile reperimento a causa, soprattutto dell’inadeguatezza dei candidati.

Le situazioni di reperibilità di queste figure sono diverse in base al livello territoriale con il Nord-Ovest che ha il doppio degli introvabili rispetto al Sud. La causa principale di questo gap va ricercata nella mancanza di competenze specifiche che andrebbe corretta con opportune misure volte a migliorare l’orientamento per offrire alle imprese i profili professionali di cui hanno bisogno.

Il ruolo della scuola e dell'Università

Oltre alla mancanza di un sistema di orientamento efficiente a pesare sulla selezione sono anche:

  • mancanza di esperienza pregressa che le aziende richiedono
  • scarsa conoscenza di una lingua straniera
  • scarsa conoscenza dell’informatica
  • scarse competenze trasversali

La colpa è quindi di scuola e università che non preparano i giovani a quello che le aziende richiedono? Il dato di fatto che fa notare Roberto Pessi, professore di diritto del lavoro all’Università Luiss di Roma, è che il processo di apprendimento attraverso l’alternanza scuola-lavoro non è mai stato centrale nella nostra scuola. Ma nella scuola italiana quello che manca è anche la presenza di test attitudinali che possano indicare quale sia il percorso formativo da seguire in base alla personalità e agli interessi dei ragazzi. Questo va a spiegare, aggiunge Pessi, perché sempre più giovani affollano percorsi di laurea ormai privi di sbocchi snobbando quelli che offrirebbero un lavoro subito.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri