Scuola finlandese migliore al mondo, Kiuru (Ministro dell’Istruzione): perché abbiamo abolito i compiti per casa

Stampa

Alla. c.a. Del Ministro P.I. Stefania Giannini  

Alla. c.a. Del Ministro P.I. Stefania Giannini  

Michael Moore, celebre scrittore e regista statunitense (premio oscar per il documentario “Bowling a Columbine”), ha realizzato un video nel quale spiega perché la scuola Finlandese sia diventata la migliore del mondo.

Intervista il Ministro dell'istruzione finlandese, Krista Kiuru, e le domanda quale sia il “segreto” di questa stupefacente eccellenza; lei risponde: “Abbiamo abolito i compiti a casa”.

Vorrei che il quadro fosse ben chiaro: il regista chiede come sia possibile che gli studenti finlandesi si collochino ai vertici delle classifiche mondiali, e il Ministro indica, come prima ragione (non la seconda o l'ultima: la prima) l'eliminazione dei compiti a casa.

La scuola italiana è ai vertici delle classifiche per: “analfabetismo funzionale, “incapacità di compensare le diseguaglianze”, “dispersione scolastica”, “stress degli studenti” e, guarda caso, per la mole esorbitante dei compiti a casa: il doppio, più spesso il triplo di quelli assegnati nelle scuole degli altri Paesi.

Dato eloquente: la scuola migliore del mondo non dà compiti; la scuola peggiore d'Europa (dopo di noi solo Grecia e Portogallo) ne dà più di ogni altra.

Nel 2001, scrissi un primo articolo su questo tema: “Compiti a casa e metodo di studio: un paradosso pedagogico” (“L'Educatore”); nel 2012, pubblicai il saggio: “Basta compiti!” (Sonda); nel  2014, ho creato la pagina fb:

“Basta compiti!”, aperta, pubblica (quasi 8 mila iscritti), e lanciato la Campagna per l'abolizione dei compiti (la petizione ha superato le 15 mila firme); nel 2015, ho creato la pagina fb: “Docenti e Dirigenti a Compiti Zero”, professionale, chiusa (200 adesioni), e pubblicato l'ebook: “I compiti fanno male”.

Ebbene la situazione italiana è sempre più penosa e grottesca (stiamo ancora combattendo contro i compiti per le vacanze): saremmo ridicoli se il problema non fosse così grave, urgente e ignorato.

Intervenga, Ministro, e se non vuole ascoltare un semplice dirigente scolastico (e i 15 mila cittadini che ne hanno condiviso l'impegno), interpelli la collega finlandese che di sicuro ha avuto sorte migliore.

Con osservanza.

Maurizio Parodi

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar