Scuola, Enrico Letta boccia quella di Renzi. No anche alla Pentaleghista

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Enrico Letta boccia la scuola italiana. L’ex presidente del Consiglio che aveva lasciato il posto a Matteo Renzi ha dato voti negativi alla Riforma sulla Buona Scuola dell’allora Ministra Giannini, ma che per tutti è la riforma Renzi.

Enrico Letta boccia però anche l’avvio scolastico del nuovo Governo. I giudizi negativi sono arrivati in quel di Cesenatico (Forlì-Cesena), durante la Summer School della Scuola di Politiche.

Nella sessione coordinata dal direttore del TG La7 Enrico Mentana, Letta ha detto di sentirsi preoccupato.

Le parole di Letta

Se il presidente del Consiglio nel discorso di insediamento non ha citato la scuola una volta, se la scuola nella scorsa legislatura è stato un casino totale, io sono preoccupato“. Secondo l’ex presidente del Consiglio, “Oggi la competenza è doppiamente necessaria“.

La scuola non è stato l’unico argomento affrontato. La sua riflessione è stata ad ampio respiro sulla politica attuale. “Oggi la politica – ha precisato Letta – è priva di qualsiasi autocritica“. E poi ha fatto notare che  se “invece di capire perché si riparte insultando gli altri e cominciando a dire agli altri ‘noi siamo meglio, non avete capito niente’. Ecco quando dici agli elettori ‘non avete capito’, allora c’è un problema“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione